domenica, 22 settembre 2019

A Milano per parlare di Biodiversità e ruralità nell’Appenino Lucano

 ›  ›  › A Milano per parlare di Biodiversità e ruralità nell’Appenino Lucano

Cultura & Eventi,Primo Piano

A Milano per parlare di Biodiversità e ruralità nell’Appenino Lucano

Locandina_Biodiversità e ruralità Milano

Si conclude a Milano, venerdì 23 ottobre presso il Mondadori Multicenter di via Marghera, #ilviaggiodiexpo del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano.
Moderato da Massimiliano Ossini e organizzato in collaborazione con il Gal Akiris e il Gal La cittadella del sapere, l’incontro vuole esser da stimolo per avviare un dibattito su “Biodiversità e Ruralità nell’Appennino Lucano”, cui seguirà una degustazione delle eccellenze gastronomiche di questa parte di Basilicata ancora poco conosciuta.
Siederanno al tavolo dei relatori: il presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Domenico Totaro, il presidente di Federparchi nazionale Giampiero Sammuri, il presidente del Gal Akiris e del Gal La cittadella del sapere, rispettivamente Prospero Cassino e Franco Muscolino. L’importanza della biodiversità presente nel Parco, in alcuni casi rara, verrà approfondita dai tecnici che interverranno alla tavola rotonda: Antonio Romano ricercatore dell’Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Susanna D’Antoni e Massimiliano Bianco del Dipartimento Difesa della Natura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ed infine, Elena Menegoni dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).
Moderato dal conduttore e autore televisivo, Massimiliano Ossini, il dibattito sarà l’occasione per riflettere sull’eterogenea biodiversità del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, in particolar modo di quella animale che vede la presenza del Lupo, della Cicogna nera, dell’Ululone dal ventre giallo e della Salamandrina dagli occhiali. Uno degli attrattori di un Parco giovane. Non meno importante la biodiversità vegetale. La convergenza di correnti floristiche, mediterranee e centro-europee, dovute al periodo delle glaciazioni, ha determinato un complesso mosaico di vegetazione che, unito alla ricchezza di specie endemiche, ha fatto di questa zona un’area di elevato valore scientifico.Grande spazio sarà dato alla biodiversità forestale dei paesaggi lucani con un’attenzione particolare ai cambiamenti climatici che si sono susseguiti e alle trasformazioni paesaggistiche dovute agli insediamenti agricoli. Altro tema affrontato sarà il rapporto tra la biodiversità e l’agricoltura, oltre agli ambienti acquatici artificiali nell’ambiente rurale del Parco


© Riproduzione riservata

A Milano per parlare di Biodiversità e ruralità nell’Appenino Lucano Reviewed by on 22 ottobre 2015 .

Si conclude a Milano, venerdì 23 ottobre presso il Mondadori Multicenter di via Marghera, #ilviaggiodiexpo del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano. Moderato da Massimiliano Ossini e organizzato in collaborazione con il Gal Akiris e il Gal La cittadella del sapere, l’incontro vuole esser da stimolo per avviare un dibattito su “Biodiversità e Ruralità nell’Appennino Lucano”, cui

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.