Commercializzazione del pescato: se ne parla a Vibo Valentia

 ›  ›  › Commercializzazione del pescato: se ne parla a Vibo Valentia

Cultura & Eventi,Lavoro & Formazione

Commercializzazione del pescato: se ne parla a Vibo Valentia

seminario-capitaneria

Si e’ tenuto a Vibo Valentia Marina, presso la capitaneria di porto, il seminario promosso dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali sugli adempimenti previsti dal reg. (ue) 1224/09 (c.d. “regolamento controlli”) per gli operatori commerciali del settore della pesca.

Alessandro Moretti e Fabio Borfecchia, hanno affrontato i profili fondamentali della disciplina a cui sono soggetti coloro che acquistano il prodotto ittico dai peschrecci e le novita’ messe in campo dal ministero per agevolare gli operatori in tali incombenze.

In particolare, e’ stato divulgato lo sviluppo di un software volto a semplificare il flusso di dati che deve obbligatoriamente intercorrere fra i “primi acquirenti del pescato” e le banche dati del prodotto ittico alimentate tramite un apposito sito gestito proprio dal ministero ed al cui funzionamento concorrono le capitanerie di porto presenti su tutto il territorio nazionale.

Contro l’elusione delle regole e per garantire in tutta l’Unione europea l’attuazione delle norme in materia di pesca, la Commissione europea ha messo a punto una riforma del sistema di controllo, che si è conclusa con l’adozione delle disposizioni esecutive del nuovo regolamento di controllo. La sua filosofia è di non concentrare più il controllo sull’attività di pesca, ma piuttosto sul prodotto della pesca, indipendentemente dalla tappa nel percorso lungo la filiera. Grazie ad una nuova strategia globale e integrata di analisi dei rischi che si basa su una convalida sistematica e automatica di tutti i dati disponibili nella filiera, compresa la commercializzazione delle catture, sarà ormai più facile individuare rapidamente le incoerenze e i comportamenti sospetti.
A questo fine, un sistema di tracciabilità farà ormai parte integrante del sistema di controllo. In futuro il detentore anche temporaneo del pesce dovrà potere dire, documenti alla mano, da dove proviene il pesce e provare che è stato pescato legalmente. Per attuare rapidamente il nuovo sistema, è disponibile un sostegno finanziario comunitario per gli investimenti necessari. Il regime di controllo e di sanzioni dissuasive, pur indispensabile, non può bastare a garantire un’applicazione generalizzata delle misure. L’unico mezzo per assicurare che le misure di protezione della risorsa siano sempre rispettate in concreto è fare in modo che i pescatori siano consapevoli che le misure sono adottate nel loro stesso interesse a lungo termine e che esse sono le uniche ingrado di garantire redditi sostenibili, oggi e in futuro.

 


© Riproduzione riservata

Commercializzazione del pescato: se ne parla a Vibo Valentia Reviewed by on 4 ottobre 2015 .

Si e’ tenuto a Vibo Valentia Marina, presso la capitaneria di porto, il seminario promosso dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali sugli adempimenti previsti dal reg. (ue) 1224/09 (c.d. “regolamento controlli”) per gli operatori commerciali del settore della pesca. Alessandro Moretti e Fabio Borfecchia, hanno affrontato i profili fondamentali della disciplina a cui



Profilo Google +:
http://www.ck12.it

Posta elettronica:
redazione@ck12.it

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.