domenica, 22 settembre 2019

Expo&Territori. A Moliterno per la XXXIV Sagra del Canestrato IGP

 ›  ›  ›  › Expo&Territori. A Moliterno per la XXXIV Sagra del Canestrato IGP

Cultura & Eventi,Gusto & Viaggi,Società & Ambiente

Expo&Territori. A Moliterno per la XXXIV Sagra del Canestrato IGP

sagra_del_canestrato_moliterno_630x473

Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, con il sostegno del Ministero dell’Ambiente,continua attraverso Expo&Territori, a promuovere le sue risorse naturalistiche, culturali ed agroalimentari.
Tra i prodotti IGP dell’area della Val d’Agri, sarà il Canestrato a richiamare, nel Comune di Moliterno, cultori e golosi, per la XXXIV edizione della Sagra del Canestrato, in programma per il 9 e 10 agosto.
Il prodotto, che per gusto e particolarità ha ottenuto nel 2010 dall’Unione Europea il marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta) ed è stato iscritto nel registro dei prodotti Ue a marchio, è una delle produzioni più interessanti di quest’area del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano ed è uno dei formaggi più rinomati dell’intera regione. Ottenuto dal latte ovicaprino proveniente da un’ampia fetta di territorio lucano che coincide con gli antichi percorsi della transumanza delle greggi, i cui racconti tanto affascinano gli appassionati dei viaggi “natura”, oggi la produzione coinvolge 4 caseifici certificati, 2 stagionatori e 4 allevamenti. La peculiarità e la caratteristica di questo formaggio dolce e delicato è la sua stagionatura nei fondaci di Moliterno, cantine sotterranee della cittadina che presentano una temperatura ideale per la stagionatura che dura in media per ben 8 mesi. Durante questo periodo il Canestrato viene trattato con solo olio di oliva (assoluto o emulsionato ad aceto di vino) o con acqua di fuliggine, ossia con acqua bollita per circa 30 minuti col nerofumo raschiato dai camini a legna e riportata a temperatura ambiente.
Esposizioni, degustazioni ed intrattenimento ma anche approfondimento e confronto con gli esperti e i tecnici del settore, sono alcuni degli obiettivi che il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano si prefigge di raggiungere anche grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale di Moliterno.
La manifestazione dal titolo “Il Canestrato IGP di Moliterno: le produzioni e le nuove forme di commercializzazione”, avrà inizio domenica alle 10:30 con la Tavola rotonda nel corso della quale interverranno operatori e aziende per affrontare alcuni dei temi fondamentali al decollo del settore come motore di sviluppo economico per l’intera area. Dalla creazione di consorzi di prodotto e non solo di promozione, all’impresa innovativa, senza tralasciare le nuove tecniche di commercializzazione attraverso il web. Grande spazio sarà dato agli aspetti più scientifici del tema grazie al coinvolgimento di ricercatori delle Università italiane o di Istituti di Ricerca, come l’ALSIA, che ha contribuito notevolmente al progetto del “Canestrato di Moliterno”. Nel corso di due ore di confronto non mancheraà la testimonianza di un imprenditore di successo del settore agricolo del Vulture-Melfesa.
La due giorni, che si aprirà con il workshop tematico e il mercatino del Canestrato, sarà arricchita da percorsi enogastronomici e di artigianato locale, da seguire a ritmo di musica popolare rievocata dal gruppo folk di Moliterno ‘U Cirnicchiu e dei Tarantolati di Tricarico.

Anticipazioni video

sagra-moliterno


© Riproduzione riservata

Expo&Territori. A Moliterno per la XXXIV Sagra del Canestrato IGP Reviewed by on 3 agosto 2015 .

Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, con il sostegno del Ministero dell’Ambiente,continua attraverso Expo&Territori, a promuovere le sue risorse naturalistiche, culturali ed agroalimentari. Tra i prodotti IGP dell’area della Val d’Agri, sarà il Canestrato a richiamare, nel Comune di Moliterno, cultori e golosi, per la XXXIV edizione della Sagra del Canestrato, in programma per il 9

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.