Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: Intervista a Domenico Lombardi, Consigliere Generale IIRD

 ›  ›  › Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: Intervista a Domenico Lombardi, Consigliere Generale IIRD

Cityjournalist,Cultura & Eventi

Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: Intervista a Domenico Lombardi, Consigliere Generale IIRD

disabilita

La Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità è stata istituita nel 1981, precisamente il 3 dicembre nell’Anno Internazionale delle Persone Disabili, con l’obiettivo di promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità, sostenere la piena inclusione delle persone con disabilità in ogni ambito della vita e allontanare ogni forma di discriminazione e violenza. Dal luglio del 1993, il 3 dicembre è diventata anche la data di celebrazione della Giornata Europea delle Persone con Disabilità, come voluto dalla Commissione Europea, in accordo con le Nazioni Unite. Data che rappresenta l’occasione per discutere e riflettere con il dott. Domenico Lombardi, Consigliere Generale dell’IIRD, su un tema importante, alla luce anche dei dati che segnalano come un europeo su dieci sia affetto da un handicap più o meno pronunciato.

Consigliere Lombardi come è possibile, a suo avviso, rimuovere le barriere culturali che sono il più grande impedimento per creare una società inclusiva e come si attiva in tal senso l’IID?

«Alle soglie del 2016, in una società in cui un europeo su dieci è affetto da un handicap più o meno pronunciato, istituzioni, enti e associazioni, ma soprattutto la collettività, devono prende coscienza del fatto che, come ogni individuo, le persone disabili, hanno il diritto di godere della loro piena cittadinanza e prendere liberamente le decisioni che li riguardano. L’Istituto Internazionale per le Relazioni Diplomatiche, ente regolarmente registrato presso l’ONU come Organizzazione Intergovernativa, ha fatto della lotta alle discriminazioni e diversità, uno dei suoi cavalli di battaglia, posto che non si possa parlare di sviluppo economico o crescita e rapporti diplomatici, se non vi è alla base una crescita sociale e culturale. L’obiettivo è creare ponti tra i vari Stati per poter crescere dal punto di vista socio-economico ma, ancor prima, l’IIRD è impegnato nella sfida più difficile: quella di abbattere ogni disuguaglianza e discriminazione ed eliminare ogni forma di violenza, promuovendo la cultura e l’inclusione sociale. Come Istituto internazionale – prosegue Lombardi abbiamo fatto da subito nostro anche quanto riportato dalla “Convenzione sui diritti delle persone con disabilità”, il cui fine è quello di “proteggere ed assicurare il godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità senza discriminazioni di alcun tipo, promuovendo la loro effettiva partecipazione ed inclusione all’interno della società”. Mai come adesso – conclude il Consigliere Lombardioccorre unire le forze per reprimere ogni forma di terrorismo e violenza, per giungere ad una convivenza pacifica tra popoli, e sentirci finalmente tutti cittadini del mondo con pari diritti e medesimi obblighi».


© Riproduzione riservata

Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: Intervista a Domenico Lombardi, Consigliere Generale IIRD Reviewed by on 3 dicembre 2015 .

La Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità è stata istituita nel 1981, precisamente il 3 dicembre nell’Anno Internazionale delle Persone Disabili, con l’obiettivo di promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità, sostenere la piena inclusione delle persone con disabilità in ogni ambito della vita e allontanare ogni forma di discriminazione e

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.