Il formaggio piemontese conquista la denominazione DOP

 ›  ›  › Il formaggio piemontese conquista la denominazione DOP

Attualità,Gusto & Viaggi

Il formaggio piemontese conquista la denominazione DOP

Ossolano-1

La Commissione europea ha accolto la richiesta di iscrizione dell’Ossolano nel registro delle denominazioni di origine protetta (DOP). L’Ossolano è un formaggio ottenuto esclusivamente da latte intero di vacche allevate ad un’altitudine minima di 1 400 metri s.l.m. negli alpeggi della provincia piemontese del Verbano-Cusio-Ossola, vicino al confine con la Svizzera.

Questo formaggio ha caratteristiche uniche, legate all’ambiente di produzione e alle tradizioni di allevamento e produzione casearia, che si ritrovano anche nel paesaggio locale, caratterizzato da una grandissima biodiversità.

L’alimentazione degli animali influisce sulle caratteristiche del latte ottenuto e quindi su quelle del formaggio prodotto, che ha un profumo floreale con note di frutta secca.

Questa nuova denominazione va ad aggiungersi agli oltre 1 405 prodotti già protetti, il cui elenco completo è disponibile nella banca dati DOOR. Per maggiori informazioni si veda la pagina sulla politica di qualità.


© Riproduzione riservata

Il formaggio piemontese conquista la denominazione DOP Reviewed by on 4 ottobre 2017 .

La Commissione europea ha accolto la richiesta di iscrizione dell’Ossolano nel registro delle denominazioni di origine protetta (DOP). L’Ossolano è un formaggio ottenuto esclusivamente da latte intero di vacche allevate ad un’altitudine minima di 1 400 metri s.l.m. negli alpeggi della provincia piemontese del Verbano-Cusio-Ossola, vicino al confine con la Svizzera. Questo formaggio ha caratteristiche uniche,



Profilo Google +:
http://www.ck12.it

Posta elettronica:
redazione@ck12.it

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.