Istruttori italiani completano addestramento di 1100 soldati Peshmerga

 ›  › Istruttori italiani completano addestramento di 1100 soldati Peshmerga

Attualità

Istruttori italiani completano addestramento di 1100 soldati Peshmerga

kurdistan iracheno

Gli addestratori italiani, in collaborazione con i trainers della coalizione, coordinati dal KTCC (Kurdistan Training Coordination Center), hanno concluso il 2° MBC (Modern Brigade Course) a favore di 2 battaglioni della 1° e 2 ° Brigata PESHMERGA , di cui 250 unità  affidate ai trainers italiani impiegati nell’ Operazione “Prima Parthica” operante nel Kurdistan iracheno da inizio 2015.
istruttori italiani formano soldati curdiI 1100 soldati Peshmerga hanno incrementato e perfezionato le conoscenze acquisite in diversi settori, tra cui il Counter-IED (riconoscimento e disinnesco ordigni esplosivi improvvisati), l’anti cecchinaggio tramite tiratori di precisione, l’uso dell’artiglieria  in supporto alla manovra della fanteria. Il KTCC, attualmente a guida italiana, coordina le attività dei trainers delle sette nazioni che ne fanno parte e con questo corso ha raggiunto oltre i 9000 soldati della KSF  addestrati, di cui circa 5300 solo da parte dei trainer italiani inquadrati   nell’ Operazione “Prima Parthica”.
La cerimonia di chiusura del 2° MBC si è svolta il 27 luglio al centro addestrativo di Bnaslawa.


© Riproduzione riservata

Istruttori italiani completano addestramento di 1100 soldati Peshmerga Reviewed by on 28 luglio 2016 .

Gli addestratori italiani, in collaborazione con i trainers della coalizione, coordinati dal KTCC (Kurdistan Training Coordination Center), hanno concluso il 2° MBC (Modern Brigade Course) a favore di 2 battaglioni della 1° e 2 ° Brigata PESHMERGA , di cui 250 unità  affidate ai trainers italiani impiegati nell’ Operazione “Prima Parthica” operante nel Kurdistan iracheno da inizio 2015. I 1100

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.