Love Missile F1-11: il Missile dell’Amore

 ›  ›  › Love Missile F1-11: il Missile dell’Amore

Attualità,Satira Satira!

Love Missile F1-11: il Missile dell’Amore

Vignetta di Ivan Guidone - Love Missile

Gli attuali scenari politici internazionali non sono proprio rassicuranti: il 2016 si sta prospettando come un campo di battaglia animato, da un lato, dal brutale spettro del fondamentalismo islamico anti-occidentale (che minaccia persino il suo più elementare diritto alla satira), dall’altro, da un’ennesima “guerra fredda” iniziata con la provocazione turca all’ex Colosso Sovietico. Non bruscoletti, insomma. Uno scenario, quasi da Terza Guerra Mondiale. Proprio come nel 1986, quando il mondo era sull’orlo di un conflitto nucleare. In quello stesso anno, un istrionico gruppo musicale inglese, i Sigue Sigue Sputnik, riscosse grande successo con Love Missile F1-11, brano dance-rock entrato di diritto nell’immaginario degli anni Ottanta. Questo il leit-motiv che ha ispirato la mia vignetta per CK12, e che vuole essere un auspicio sincero per un nuovo anno in cui un grande Missile dell’Amore possa “distruggere” ogni potenziale scenario di guerra.


© Riproduzione riservata

Love Missile F1-11: il Missile dell’Amore Reviewed by on 19 dicembre 2015 .

Gli attuali scenari politici internazionali non sono proprio rassicuranti: il 2016 si sta prospettando come un campo di battaglia animato, da un lato, dal brutale spettro del fondamentalismo islamico anti-occidentale (che minaccia persino il suo più elementare diritto alla satira), dall’altro, da un’ennesima “guerra fredda” iniziata con la provocazione turca all’ex Colosso Sovietico. Non bruscoletti, insomma. Uno scenario, quasi da Terza Guerra Mondiale. Proprio come nel 1986, quando

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.