#museums4italy. 610mila euro a favore delle aree terremotate

 ›  ›  ›  ›  › #museums4italy. 610mila euro a favore delle aree terremotate

Attualità,Economia,Politica,Primo Piano

#museums4italy. 610mila euro a favore delle aree terremotate

#museums4italy raccolta fondi terremoto

La solidarietà degli italiani ha incontrato la cultura per dare un contributo ai luoghi distrutti dal terremoto del 24 agosto. Un connubio perfetto pensato dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, grazie al quale sono stati raccolti, in un solo giorno, oltre 610 mila euro.  Un contributo statale che si aggiungerà agli introiti dei tanti musei civici, privati e religiosi che domenica 28 agosto hanno aderito alla campagna #museums4italy.
Il Mibact ha sottolineato che sono stati oltre 70 mila i visitatori che hanno scelto un museo per contribuire agli interventi di recupero del patrimonio culturale danneggiato dal sisma. Tutti gli incassi, dell’ultima domenica di agosto, verranno utilizzati dal Ministero per interventi urgenti sui beni culturali nelle aree terremotate. <Quella di ieri– ha dichiarato il ministro Franceschiniè stata una bellissima giornata di solidarietà. Tanti cittadini hanno scelto i musei per esprimere la propria vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma>


© Riproduzione riservata

#museums4italy. 610mila euro a favore delle aree terremotate Reviewed by on 29 agosto 2016 .

La solidarietà degli italiani ha incontrato la cultura per dare un contributo ai luoghi distrutti dal terremoto del 24 agosto. Un connubio perfetto pensato dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, grazie al quale sono stati raccolti, in un solo giorno, oltre 610 mila euro.  Un contributo statale che si aggiungerà agli introiti dei tanti

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.