Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Se ne parla a Roma

 ›  ›  ›  ›  › Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Se ne parla a Roma

Cityjournalist,Cultura & Eventi,EuroVision,Primo Piano

Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Se ne parla a Roma

bright-idea

Si svolgerà a Roma, Mercoledì 20 gennaio 2016, a partire dalle ore 16:15 un dibattito sul tema Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Organizzato e ospitato presso la Rappresentanza in Italia della Commissione europea. L’incontro, che avverrà in occasione della pubblicazione del volume “L’idée d’Europe. L’identitè solidaire en question“, sarà aperto dai saluti di Emilio DALMONTE (Rappresentanza Commissione UE in Italia) – Giancarlo KESSLER (Ambasciatore di Svizzera in Italia). Seguirà il dibattito, moderato dal curatore del volume presentato nello stesso pomeriggio, Federico ROMANELLI, al quale prenderanno parte: Nicolas LEVRAT, Università di Ginevra; Cosimo RISI, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; Alberto SCIUME’, Università di Brescia; Paolo QUERCIA, Center for Near Abroad Strategic Studies; Sandro GOZI, Sottosegretario agli Affari Europei, Presidenza del Consiglio.

identita_europea_locandina


© Riproduzione riservata

Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Se ne parla a Roma Reviewed by on 18 gennaio 2016 .

Si svolgerà a Roma, Mercoledì 20 gennaio 2016, a partire dalle ore 16:15 un dibattito sul tema Sicurezza delle frontiere e migrazioni Quali idee di Europa? Organizzato e ospitato presso la Rappresentanza in Italia della Commissione europea. L’incontro, che avverrà in occasione della pubblicazione del volume “L’idée d’Europe. L’identitè solidaire en question“, sarà aperto dai

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.