Spirito Guerriero: esce il primo lavoro discografico degli HANIA

 ›  ›  › Spirito Guerriero: esce il primo lavoro discografico degli HANIA

Copertina,Musica & Lifestyle

Spirito Guerriero: esce il primo lavoro discografico degli HANIA

hania_band_official

Grande interesse di pubblico sta riscuotendo l’E.P. “Spirito Guerriero” della formazione capitolina Hania. Uscito lo scorso Settembre su tutte le piattaforme digital store, “Spirito Guerriero” rappresenta la prima fatica discografica ufficiale di questa formazione dalle sonorità di stampo pop rock.

Come nella migliore tradizione del rock internazionale, Vito Iacoviello, voce ed anima degli Hania, tramuta le sue esperienze di vita vissuta in musica, le elettrifica insieme al suo mentore e arrangiatore Gabriele Bertozzi e dà vita a questa scossa emotiva che viene rappresentata dalle quattro tracce di questo loro primo E.P.

Ma questo è solo l’epilogo di una favola che parte da molto lontano: il nome della bandHania, significa appunto “Spirito Guerriero” e rappresenta appieno la storia vissuta dal cantante Vito che dal Brasile approda in Lucania, dando così inizio ad una moderna favola rock.

A pochi mesi dalla sua nascita, Vito arriva in Italia, adottato e voluto con grande amore da mamma Maria e babbo Michele, famiglia Lucana, perché Sandra, la madre biologica, non aveva la possibilità di crescerlo.

Il rock è insito nelle vene del poliedrico cantante italo/brasiliano: la madre originale (con cui si sente continuamente) gli ha sempre parlato del suo amore per le grandi rock band internazionali come i Led Zeppelin e i Kiss; e la stessa cosa la trova nella famiglia italiana adottiva, con cui passa interi pomeriggi a fianco del padre ad ascoltare vinili su vinili dei rocker che scrissero la storia degli anni Settanta ed Ottanta.

Fin dall’adolescenza, Vito dimostra talento nel canto; papà Michele e mamma Maria iniziano a supportarne le scelte artistiche ed i sogni, accompagnando con amore e entusiasmo i suoi progetti: con la band Kings (Vito era poco più che adolescente) ottengono ottimi risultati classificandosi ai primi posti nell’allora contest di RockTV, e arrivano nei primi 10 gruppi che hanno la possibilità di suonare nel mitico Heineken Jammin’ Festival.

Il passo successivo è l’iscrizione all’Università della Musica, a Roma che lo porta a farsi notare nell’ambito musicale e cinematografico a un ben più alto livello: entra a far parte della scuderia della promoter romana Nadia Patti che, preso a cuore l’artista, inizia a dare una forma alle idee di Vito, e all’identità visiva del personaggio stesso.

Qui il sodalizio con Gabriele Bertozzi (chitarrista e compositore di alcuni grandi nomi degli anni Novanta della musica italiana) lo porta alla produzione di alcuni brani musicali che presenta in numerose rassegne dedicate alla musica emergente: a Sanremo Rock&Trend, Max Montanari (produttore, autore e musicista) di Alkatraz Management viene folgorato dalla sua voce e nasce nel 2017 l’idea di una collaborazione che porta il nome di “Spirito Guerriero”.

Questo progetto, cantato interamente in italiano, fonde il suono del rock americano con quello inglese. I testi dei quattro inediti di questo E.P. raccontano tematiche sociali, attuali ed autobiografiche.

Gabriele Bertozzi: chitarrista professionista, arrangiatore, compositore, ha calcato numerosi palchi accompagnando artisti di fama nazionale come Mango, Alex Baroni, Loredana Bertè, Ivana Spagna, con i quali ha sviluppato progetti collaborando al fianco di Mogol.

Vito Iacoviello: cantautore italo brasiliano, ha partecipato in diversi contest nazionali come Sala Prove RockTVHeineken Jammin’ Festival (aggiudicandosi la prima posizione), Joy music live (premiato da Beppe Vessicchio come artista più votati in rete); successivamente è stato ospite all’evento Roma è Moda (patrocinato dal Comune di Roma) interpretando il medley “Mina diventa Rock” ed ha preso parte (vincendo le selezioni all’HardRockCafè di Firenze) al Rock in 1000 tenutosi allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze, come una delle 250 Lead Voices.

Ma per comprendere il vero valore artistico di questa formazione capitolina, ascoltate il loro singolo “Angeli in Vestito Nero” dal profilo SoundCloud:
https://soundcloud.com/alkatrazmanagement/vito-iacoviello-angeli-in-vestito-nero


Produzione Discografica, Management e Label:
Alkatraz Management

Produzione artistica musicale:
Massimo Gangalanti e Patrizio Porri (Mix, Mastering e Voci registrate al Solo Vox Recording Studio Roma)

Direzione Artistica Musicale:
Nadia Patti (per Alkatraz Management)

Art Designer:
Nicola Borgia Bia

Musicisti in Studio:
Giulio Proietti (batteria), Sandro Rosati (basso), Gabriele Bertozzi (chitarra elettrica e arrangiamenti), Ayu sakurai (violino), Vito Iacoviello (Voci)

Musicisti HANIArockBAND:
Valerio Giovanardi (batteria), Michele  Kraisky (basso),  Lorenzo Viganego (chitarra elettrica), Vito Iacoviello (Voci)

Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/haniaspiritoguerriero/

Pagina Instagram:
https://www.instagram.com/haniamusic/

Elenco tracce:

  1. Angeli in Vestito Nero (3:45)
  2. Cuore di Bandito (3:13)
  3. Fuggi Via (4:23)
  4. Mae (4:23)


© Riproduzione riservata

Spirito Guerriero: esce il primo lavoro discografico degli HANIA Reviewed by on 1 novembre 2018 .

Grande interesse di pubblico sta riscuotendo l’E.P. “Spirito Guerriero” della formazione capitolina Hania. Uscito lo scorso Settembre su tutte le piattaforme digital store, “Spirito Guerriero” rappresenta la prima fatica discografica ufficiale di questa formazione dalle sonorità di stampo pop rock. Come nella migliore tradizione del rock internazionale, Vito Iacoviello, voce ed anima degli Hania, tramuta le sue esperienze di vita vissuta in musica, le elettrifica insieme al suo mentore

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.