Rubano le offerte al santuario di Padre Pio: coppia di ladri arrestata a San Giovanni Rotondo

0
149

Colti in flagrante dal personale del santuario di Padre Pio mentre tentavano di rubare le offerte dei fedeli. Trafugati 970€. Uno dei due ladri era stato già arrestato nel 2016.

Santuario San Pio San Giovanni Rotondo
ROBERTO SALOMONE/AFP/Getty Images

Una coppia di Altamura è stata arrestata dai Carabinieri di San Giovanni Rotondo per essere stati colti in flagranza di reato mentre tentavano di rubare le offerte dei fedeli del santuario di San Pio. Recidivo uno dei ladri, già arrestato nel 2016 per lo stesso reato nello stesso santuario.

Coppia ruba le offerte al santuario di San Pio

Una coppia di Altamura è stata arrestata nel pomeriggio di ieri, 28 agosto 2020, dai Carabinieri di San Giovanni Rotondo per furto aggravato. I due, un uomo e una donna, sono stati colti in flagranza di reato dal personale del santuario che dopo essersi accorti dei movimenti dei due grazie alle telecamera di sorveglianza, hanno contattato immediatamente le forze dell’ordine. Giunti sul posto i Carabinieri hanno tratto in arresto i due ladri.

La dinamica del furto delle offerte

I due ladri sarebbero stati immortalati dalle telecamere a circuito chiuso mentre rubavano banconote dalle cassette delle offerte del santuario di Padre Pio. L’uomo e la donna si avvalevano dell’aiuto di un metro a rullo avvolto nel nastro biadesivo che inserivano nelle fessure delle cassette delle offerte per poterne facilmente cavare fuori le banconote. La refurtiva trafugata fino al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine corrisponde alla cifra di 970€, restituiti ai frati Cappuccini dopo l’arresto.

Ladro recidivo

La coppia arrestata ieri per il tentato furto delle offerte dei fedeli del Santuario di San Pio è già nota alle forze dell’ordine. L’uomo, infatti, era già stato arrestato nel 2016 per un identico reato, commesso proprio all’interno dello stesso santuario. Dopo l’arresto i due sono stati portati presso il carcere di Foggia a disposizione delle autorità giudiziarie.

Leggi anche ->Arresto per la direttrice di Rebibbia: l’accusa è favori alla Ndrangheta

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here