ClioMakeUp accusata di razzismo: “la sua nuova linea di correttori non è inclusiva”

0
157

Pioggia di polemiche sulla nuova linea di correttori ideata dalla nota youtuber e make-up artist Clio Zammatteo, in arte ClioMakeUp, e suo marito. Secondo molti, i correttori non sarebbero inclusivi per chi ha la pelle scura.

(Foto profilo Instagram ClioMakeUp)

Clio Zammatteo, in arte ClioMakeUp, è la nota make-up artist e youtuber che da decenni regala consigli e “chicche”, come ama chiamarle lei, agli amanti del trucco e non solo. Veneta di nascita, dopo gli studi si è trasferita a New York, città in cui ha potuto coltivare la passione del trucco. Da qualche anno, insieme al marito Claudio Midolo, un game designer italiano, ha fondato una linea di prodotti cosmetici, che va dai rossetti agli ombretti.

La polemica sui correttori ClioMakeUp

Da non troppo tempo, la linea di bellezza ideata da ClioMakeUp, all’anagrafe Clio Zammatteo, fondata assieme al marito, ha lanciato sul mercato un nuovo prodotto cosmetico. Si tratta dei correttori “Oh My Love”, rilasciati in ben 14 colorazioni, le cui nuances sono disponibili sul sito della youtuber. Per aiutare l’acquirente nella scelta della colorazione, Clio sul suo profilo Instagram ha pubblicato una serie di video in cui modelle e modelli provano le varie tonalità.

Ma, evidentemente, tutte queste accortezze non sono bastate per evitare polemiche. Molti utenti, infatti, si sono scagliati contro Clio, accusandola di razzismo. La ragione? I suoi correttori non sarebbero inclusivi per coloro che hanno la pelle scura: su 14 colorazioni, infatti, 11 sono riconducibili a chi ha la pelle bianca. “Grazie Clio per averci ricordato che se non siamo bianche con sottotono neutro/rosa non siamo degne di considerazione” ha scritto una follower di Clio. Sia su Twitter, sia su Instagram, infatti, sono immediatamente scattate polemiche sul marchio di cosmetici indipendente e molti followers hanno criticato la collezione, bollandola come razzista.

View this post on Instagram

Il grande giorno è arrivato! 😍La super novità di cui vi ho tanto parlato in questi ultimi mesi è finalmente disponibile su ClioMakeUpShop.com! ☺️È con estremo orgoglio e con immensa gioia che vi presento OhMyLove il primo correttore firmato ClioMakeUp: fluido, dall'effetto “insta-relax”, è disponibile in quattordici shade complete e versatili 🥰 Credetemi quando vi dico che non vedevo l’ora di mostrarvelo! 🤩 È da anni che io e il mio Team lavoriamo a questo prodotto che considero immancabile nella beauty routine di ognuno 💖 Fin da quando ho creato la mia linea di make-up nel 2017, il correttore ha rappresentato per me una grande ambizione e oggi finalmente quello che era solo un sogno è diventato realtà 🥰 OhMyLove ha tutte le caratteristiche che un correttore TOP dovrebbe avere… secondo Clio! 😉Una texture cremosa e leggera, che si fonde perfettamente con l’incarnato, una coprenza medio-alta, che lo rende perfetto per essere utilizzato su diverse zone del viso, una durata long-lasting, che lo trasforma immediatamente in un alleato insostituibile per ogni beauty look, e un formato speciale che contiene ben 7.5 ml di prodotto! 😮 È così che OhMyLove ha conquistato un posto speciale oltre che nella mia trousse anche, e soprattutto, nel mio cuore ❤️ E spero che porti anche a voi quella dose quotidiana di magia che serve sempre! ✨ Lo trovate da oggi su cliomakeupshop.com! 😘 #OhMyLove

A post shared by Clio (@cliomakeup_official) on

 

Clio risponde alle polemiche

La risposta della make-up artist però non si è fatta attendere. In un video rilasciato a Repubblica Tv, Clio Zammatteo ha infatti risposto a coloro che la hanno sostanzialmente accusata di essere razzista con le sue produzioni.

“Le critiche – spiega – sono state mosse soprattutto da chi non ha mai visto il prodotto dal vivo e che si è basato su una foto dove si vedono i 14 correttori all’interno di un packaging non trasparente. Ho lavorato tantissimo a questo correttore proprio con l’idea di inclusività, perché ho pensato a qualcosa che potesse essere un punto di partenza per poter soddisfare più persone possibile. Quindi, quando ho iniziato a ricevere queste critiche sono caduta dalla sedia”.

Leggi anche -> Chi è Annalisa Malara, l’anestetista che scoprì il paziente 1 a Codogno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here