Addio a Saint Dog, tra i fondatori dei Kottonmouth Kings. Aveva 44 anni

0
99

Steven Thompson, meglio noto con lo pseudonimo di Saint Dog, tra i fondatori insieme a D-Loc e Johnny Richter del gruppo Kottonmouth Kings, è morto ieri mattina all’età di 44 anni. Ancora sconosciute, per ora, le cause del decesso.

L’uomo è stato ritrovato senza vita nell’abitazione di un suo amico, a Victorville, cittadina della California situata nell’area di Los Angeles, presso cui era ospite. Esclusa per ora l’ipotesi di omicidio. Le cause della morte saranno sicuramente chiarite dall’autopsia. L’artista contribuì alla pubblicazione dell’Ep “Stoners Reeking Havoc” e “Stash Bok”, oltre all’album con il maggior successo: “Royal Hignees” del 1998, prima di abbandonare la band.

Leggi anche -> Roby Facchinetti, incidente in vacanza: “Pensavamo fosse morto”

Il ricordo dei Kottonmouth Kings

“Ci mancherai tu e il tuo grande cuore. Sei stato unico nel tuo genere e i nostri cuori sono spezzati. Ma promettiamo di mantenere viva la tua eredità attraverso la tua musica”. Con queste poche parole i Kottonmouth Kings hanno detto addio a Saint Dog, Steven Thompson, uno dei fondatori della band punk/rap nata negli anni ’90.

Steven Thompson era apparso nei primi quattro progetti ufficiali della band: “Stoners Reeking Havoc”, “Royal Highness”, “Stash Box” e “Hidden Stash”. Il successo stenta ad arrivare e dopo l’uscita dell’ultimo album Saint Dog decide di intraprendere la strada da solista con il fratello, scelta, questa, che tuttavia non si rivelò vincente e che non gli apri più alcun mercato.

Nel 2012 torna con la formazione dei Kottonmouth Kings – che vedeva anche D-Loc e Johnny Ritcher – per una collaborazione nell’album “Mile High”, nel brano “Get Out The Way”. Il ritorno diventò effettivo nel 2018, quando inizio a collaborare a stretto contatto con la formazione nel progetto pubblicato nel 2018 “Kingdom come”. Nel 2019, viene rinchiuso in carcere.

Molti i fan che hanno deciso di ricordarlo, tra questi anche Kevin Zinger, produttore esecutivo della sua etichetta discografica: “Uno dei miei ricordi più belli è stato guardare Steve fermare la musica nel mezzo di uno spettacolo dei Kottonmouth Kings per portare un fan handicappato in sedia a rotelle sul palco, in modo che potesse avere una visione migliore dello spettacolo e persino unirsi a cantare alcune canzoni. Questo era Steve”.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here