Coronavirus e fake news, tutte le bufale smentite dal Ministero

0
500

Coronavirus e fake news, l’elenco stilato dal Ministero della Salute: ecco quali sono le notizie false diffuse in questi mesi

mascherina obbligatoria coronavirus

Se prima della pandemia era difficile orientarsi tra le tantissime informazioni che la nostra mente recepisce al tempo del web e degli smartphone, tra foto, video e testi, con il coronavirus tutto è diventato più complicato con i fabbricatori di notizie false che sguazzano, facendo leva soprattutto sull’analfabetismo funzionale.

Da marzo ad oggi ne abbiamo sentite di tutti i colori. Il Ministero della Salute ha così pubblicato ben 70 voci dove vengono spiegati in base a criteri scientifici, cosa non è vero.

Dovrebbe essere chiaro di per sé che i gargarismi con la candeggina non protegge dall’infezione ma qualcuno è cascato in questa fake e il Ministero ha dovuto affermare che è falso. È falso anche che tagliarsi la barba protegge dal contagio, che i bambini siano immuni o che gli animali domestici trasmettono il virus. Non è vero neanche che la suola delle scarpe porta il virus in casa o che chi immigra sia immune perché già vaccinato per la tubercolosi: il vaccino per questa malattia non rende immuni dal Covid-19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Lea Vergine e il marito Enzo Mari morti a 24 ore di distanza

Coronavirus e fake news: non c’entra nulla il G5 con il Covid

Tema caro a chi crea notizie false è la rete mobile G5, associandola al virus come strumento di diffusione. Neanche questo è vero, non ci sono prove scientifiche. Stesso discorso per l’acqua del rubinetto o la trasmissione per via alimentare: nessuno studio a dimostrato che il Covid-19 possa trasmettersi in questo modo.

Non è vero neanche che l’esposizione al sole aiuta a prevenire il virus o l’assunzione di alcol, non esiste nessuna prova scientifiche che dimostri queste “notizie” molto diffuse sul web soprattutto nelle prime settimane della pandemia. Una delle più curiose e fantasiose notizie false sosteneva che la sudorazione tramite l’attività sportiva favorisce la fuoriuscita del virus se fossimo stati contagiati. Anche questa è entrata nell’elenco delle cose false del Ministero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Natale con il cashback di Stato: quanto vale e come funziona – VIDEONatale con il cashback di Stato: quanto vale e come funziona – VIDEO