Fukushima, il governo sverserà in mare acqua radioattiva trattata: i dettagli

0
942

Fukushima, dallo tsunami all’acqua radioattiva in mareAcqua radioattiva Fukushima

Il governo giapponese guidato da Yoshihide Suga sta prendere una decisione molto grave a livello ambientale, l’acqua radioattiva dello tsunami di Fukushima sarà sversata in mare nel 2022. I dettagli

Lo tsunami del 2011

Ricorderete tutti il terribile tsunami che si abbatté sul Giappone settentrionale nell’ormai lontano 11 marzo 2011. Lo tsunami fu provocato da un violentissimo sisma di magnitudo 9. Uno tsunami potentissimo, come mai si era verificato in Giappone, secondo le statistiche è al quarto posto, a livello mondiale, come livello di distruttività. Onde di quindici metri che si abbatterono con forza sulle coste del nord del Giappone. Il terremoto e il successivo tsunami provocarono un incidente alla centrale nucleare di Fukushima. Il danno ambientale più grave nel nostro pianeta dopo Chernobyl.

Fukushima, acqua radioattiva in mare nel 2022

Oggi l’intenzione del governo Giapponese è di sversare nell’Oceano Pacifico l’acqua di Fukushima. Quella stessa acqua che fu utilizzata per raffreddare gli impianti dopo il disastro nucleare. L’acqua, a loro avviso decontaminata, verrà sversata in mare nonostante le proteste dei pescatori e degli addetti locali all’industria ittica. Questa operazione è prevista per il giugno del 2022, ovviamente, dopo aver messo a punto le adeguate procedure regolatorie. Secondo l’esecutivo nipponico dalle acque in questione sono state rimosse le principali sostanze radioattive. Sempre secondo le autorità giapponesi grazie al sistema di diluizione, antecedente allo sversamento, le acque così trattate rispetterebbero gli standard internazionali.

La protesta di Greenpeace

La notizia viene rivelata dal rapporto rilasciato da Greenpeace Germania nelle scorse settimane. Nel rapporto si legge che: “Sarà scaricata acqua contaminata nell’Oceano Pacifico” . Secondo Greenpeace, nonostante la dichiarata decontaminazione, saranno comunque rilasciate in acqua sostanze come lo stronzio-90, il carbonio-14 e altri radionuclidi pericolosi. “E’ una mossa che avrà gravi conseguenze a lungo termineattacca l’organizzazione eco pacifistaper le comunità e l’ambiente, localmente ma anche a più lungo raggio”.

La posizione del Governo giapponese

Molto netta, di contro, la risposta del capo di gabinetto del governo giapponese Katsunobu Kato. “Siamo in ritardo con lo smantellamentodice Kato e una decisione sulle acque contaminate a Fukushima sarà presa velocemente e nella massima sicurezza”. Tutto molto bello. Se sarà così davvero non ci saranno danni per la popolazione sia umana che marina. Ma i dubbi sollevati dalle organizzazioni ambientaliste lasciano più di qualche perplessità. E’ effettiva le decontaminazione o è soltanto parziale?

—>>> Ti potrebbe interessare anche Ambiente, buone notizie per la tartaruga Caretta caretta: i dettagli