Lidia Schillaci, il dramma dell’abbandono: “Oggi l’ho perdonato”

0
1391

La vita privata della cantante Lidia Schillaci, protagonista di Tale e Quale Show, il dramma dell’abbandono: “Oggi l’ho perdonato”.

(Instagram)

Lidia Schillaci, che è una cantante e compositrice, classe 1984, scoperta e lanciata da uno dei primi talent show della tv italiana ovvero “Operazione Trionfo”, è tra le protagoniste del Torneo dei Campioni di Tale e Quale Show. La donna in questi anni ha dimostrato molta maturità, ma nel suo passato ci sono stati momenti davvero difficili, soprattutto nella sua infanzia. Ospite di Storie Italiane, ha condiviso alcuni ricordi di un periodo particolarmente complesso: “La mia infanzia è stata abbastanza difficile: non è stata per niente rose e fiori, come quella che tutti i bambini sognano. Mio papà ci ha lasciati quando io avevo solo 4 anni e mezzo, mio fratello era piccolissimo, mentre mia sorella, addirittura, doveva ancora nascere…”.

Leggi anche: Tale e Quale Show: chi è Lidia Schillaci, protagonista del Torneo

Il rapporto di Lidia Schillaci col padre

Ha proseguito in quell’intervista Lidia Schillaci, che oggi il rapporto con quel padre lo ha recuperato: “Ho ricevuto tanta forza dalla famiglia di mia mamma, soprattutto da mia nonna; mia mamma è stata una donna che ha lottato tantissimo: erano gli anni ’80, si è trovata di colpo da sola con tre figli e senza lavoro, in una Sicilia che non accettava il divorzio…”. Dopo quella separazione, ha poi raccontato in un’intervista a ‘Vieni da me’, la mamma della cantante “è stata molto forte, non è stato semplice: all’inizio non volevo nemmeno andare a scuola. Anche quando hai la famiglia unita, il trasferimento per un bambino è difficile”.

“Ho tenuto tanto dentro, sfogavo tutto nella musica. La musica è stato il mio momento, quando ritrovavo Lidia”, ha sottolineato la cantante. Che come abbiamo detto ora con quel padre si è riappacificata: “L’ho perdonato: io credo molto nel perdono. Poi è mio papà, ora mi sta seguendo. E’ una cosa bella: il passato ti forma, bisogna ringraziare anche le cose negative del passato”.