Il San Raffaele contro Burioni: “Ci dissociamo. Non conosce la realtà dei pronto soccorso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15
0
426

Le sue considerazioni sono del tutto infondate dal momento che non è a conoscenza della realtà clinica che si vive nei pronto soccorso e nei reparti Covid” si legge nella nota di replica dell’ospedale.

Scontro acceso tra Roberto Burioni e il San Raffaele, l’ospedale milanese presso il cui ateneo insegna il virologo di fama mondiale. Al centro della polemica, un tweet in cui lo scienziato, da suo profilo “Medical Facts”, si scaglia contro quegli esperti che “dicono che i pronto soccorso sono affollati da persone in preda al panico”.

Il post social è una risposta al direttore del reparto Malattie infettive del San Martino di Genova, Matteo Bassetti, secondo cui se oggi gli ospedali sono al collasso è a causa di quelle persone che intasano i pronto soccorso anche se asintomatiche. Il virologo ha suggerito a questi esperti di non diffondere notizie false in questa fase delicata dell’emergenza pandemica.

Questa volta, però, le parole dell’esperto hanno fatto infuriare l’Ospedale e il gruppo per cui lavora che, in una nota congiunta, “lo invitano a considerazioni più rispettose della verità e del lavoro altri”.

Leggi anche -> Contagi a scuola secondo UNSIC: “Almeno 105mila casi dal ritorno in classe, l’80% sono studenti”

La risposta del San Raffaele e del Gruppo San Donato

Pur riconoscendo “l’autonomia di espressione” del professor Burioni, il Gruppo San Donato e l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano hanno replicato in una nota datata 10 novembre. “In merito al tweet postato questo pomeriggio dal professor Roberto Burioni, nel quale si fa riferimento ai pronto soccorso, il Gruppo San Donato e l’università Vita-Salute San Raffaele si discostano dal pensiero del professore, in quanto le sue considerazioni sono del tutto infondate dal momento che non è a conoscenza della realtà clinica che si vive nei pronto soccorso e nei reparti Covid“.

Leggi anche -> Strage di Erba, ultime notizie: il caso torna in Cassazione