Christian De Sica rivela: “Ho avuto il Coronavirus, ma sono guarito presto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:43
0
170

Christian De Sica ha contratto il coronavirus

Christian De Sica coronavirus

La pandemia del coronavirus Covid-19 sta risparmiando davvero pochi rappresentanti del mondo della TV, del cinema e dello Spettacolo, uno di questi era Christian De Sica che però nelle scorse settimane, per sua stessa ammissione, è stato colpito dalla malattia che sta stravolgendo le nostre vite. Vediamo i dettagli.

L’intervista al Messaggero

La notizia la rende nota il quotidiano di Roma, “Il Messaggero”, che ha intervistato l’attore  via telefono. Ecco le sue parole. “Sono negativo da quattro giorni” rivela Christian De Sica. Il popolare anfitrione al tempo stesso sottolinea di essere “stato fortunato”, di “essere guarito presto” e di aver scavallato il contagio con poca febbre e tanta debolezza. Soprattutto, rivela De Sica, “ho avuto la possibilità di curarmi in casa” senza ricorrere al ricovero in ospedale.

L’esperienza di Christian De Sica con il coronavirus

Christian De Sica a Natale 2020, restrizioni DPCM permettendo, sarà al cinema con il film “Natale su Marte”. Sarà l’ennesimo capitolo della coppia da cinepanettone per eccellenza, quella avviata nel lontano 1991 con Massimo Boldi e che non si vedeva sul grande schermo da ben dodici anni. Ma nonostante il rischio dei possibili mancati incassi De Sica  tiene a sottolineare un concetto: “Il virus è una bruttissima bestia da cui dobbiamo difenderci” e “non va sottovalutato”.

Natale su Marte o in famiglia?

L’attore romano, che a gennaio compirà 70 anni chiude la sua confessione al Messaggero con una riflessione su che Natale ci aspetta. “Per me il 25 dicembre è sempre stata la festa per eccellenza”, il momento in cui famiglia e amici si ritrovano tutti insieme, almeno una volta all’anno. “Sarà molto duro rinunciare a questa tradizione” chiosa con amarezza De Sica ma “la salute vale troppo di più”.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Coronavirus, a gennaio vaccino Pfizer negli ospedali: i dati della distribuzione