Covid, vaccinata a Londra la prima italiana: è un’infermiera modenese

0
374

Elena Baraldi, infermiera di 30 anni che vive a Londra, è la prima italiana ad essere vaccinata contro il Covid.

elena baraldi: prima italiana vaccinata
David Greedy/Getty Images

La prima italiana ad aver ricevuto il vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNtech si chiama Elena Baraldi: è un’infermiera trentenne originaria di Modena, che lavora a Londra presso il Croydon University Hospital. La dose le è stata somministrata mercoledì, dopo che il Regno Unito ha dato il via alla campagna di vaccinazione.

Essendo un’infermiera, la giovane rientra tra le categorie prioritarie della popolazione a cui devono essere somministrate le prime dosi del siero contro il coronavirus, che sono il personale sanitario e le persone anziane più vulnerabili.

Ti potrebbe interessare anche -> Vaccino Covid Pfizer: campagna al via nel Regno Unito, l’Italia attende l’ok

Le parole di Elena Baraldi, prima italiana vaccinata contro il Covid

La giovane infermiera italiana si è trasferita nel Regno Unito circa sei anni fa, dopo essersi laureata in Scienze infermieristiche presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. “Sto benissimo, a parte il braccio un po’ indolenzito non ho nessun effetto collaterale”, ha detto Elena Baraldi a Il Resto del Carlino.

La ragazza studia ancora grazie al Master finanziato dall’ospedale in cui lavora. Al quotidiano ha spiegato di essere una Emergency Care Nurse e di occuparsi dei casi Covid più gravi all’interno del pronto soccorso. L’infermiera ha detto di essere contenta di essere stata vaccinata, “sia per proteggere me stessa sia per non diventare un veicolo di contagio verso gli altri”.

Ti potrebbe interessare anche -> Chi è Alba Grifoni, la ricercatrice romana che combatte il Covid dagli Usa

Per quanto riguarda il futuro prossimo, Elena Baraldi ha rivelato di non avere nei programmi un rientro in Italia: “Qui mi sento realizzata e la mia professionalità è appagata anche dal punto di vista economico”, ha spiegato l’infermiera lanciando una critica al nostro Paese: “Qui la mia figura professionale è valorizzata sia a livello istituzionale che tra i cittadini. Ho diritti che in Italia mai mi sognerei di avere”.