Miastenia: che malattia ha l’allenatore Rino Gattuso

0
882

Miastenia: ieri l’allenatore del Napoli Rino Gattuso ha parlato del serio problema all’occhio e ha mandato un messaggio ai giovani

Gattuso
Getty Images

Ieri sera nella conferenza post gara di Napoli-Torino l’analisi e i commenti al match sono passati in secondo piano. Il bellissimo 1-1 realizzato da Lorenzo Insigne al 92′ non regge con quanto ha dichiarato il suo allenatore a Sky.

In molti avevano notato che negli ultimi tempi Gennaro Gattuso va in panchina con una benda all’occhio destro. L’allenatore calabrese ha spiegato qual è il motivo, mandando anche un messaggio ai giovani che non sempre riescono ad apprezzare il proprio aspetto.

Il tecnico del Napoli ha detto che da dieci anni soffre di una malattia, la miastenia. Per la terza volta si è presentata con tutta la forza. “Sono dieci giorni che non sono me stesso”, dice mentre parla della squadra che è arrivata scarica all’appuntamento contro il Toro. “I ragazzi hanno sofferto in questi giorni”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maradona, alcol e droga prima di morire: l’autopsia svela la verità

Miastenia, cause e sintomi della malattia di Gattuso

La miastenia è una malattia che indebolisce i muscoli volontari per cui si affaticano facilmente. Nel caso della miastenia del tecnico, i sintomi sono due: la diplopia e la ptosi, ossia la visone doppia e la palpebra cadente. Purtroppo non esiste cura definitiva ma solo dei trattamenti che possono ridurre i sintomi.

È una malattia di tipo autoimmune e nasce quando c’è un problema nella relazione tra i nervi e i muscoli, causato da anticorpi prodotti dall’organismo che vanno ad inibire le attività dei ricettori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milan-Lazio 3-2, Hernandez nel finale: Tabellino e Highlights

“L’occhio tornerà al suo posto e sarò più bello”. Ai giovani non si vedono belli ha voluto mandare un messaggio: “La vita è bella e bisogna affrontarla senza paura, senza nascondersi“. Ha parlato anche dei problemi docuti a una condizione del genere affermando che non è facile vedere doppio 24 ore al giorno.