Il Meteo in Italia del 7 gennaio, tregua maltempo: resta l’allerta in tre regioni

0
529

Il maltempo concede una tregua all’Italia per questo giovedì 7 gennaio 2021, ma resta l’allerta meteo in tre regioni: Emilia Romagna, Abruzzo e Campania. Temperature in leggera risalita.

Meteo Italia 7 gennaio

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo i dati presenti nel bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella serata di ieri, 6 gennaio, giorno della Befana e valido fino alla mezzanotte di oggi, 7 gennaio, è attiva un’allerta meteo di livello giallo per rischio idrogeologico su Emilia Romagna, Abruzzo e Campania. Il resto della cartina dell’Italia è verde. Pertanto non sono segnalate allerta specifiche sulle altre diciassette regioni.

Le previsioni dell’Aeronautica

Attraverso i dati del bollettino ufficiale del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo cosa succede nei singoli settori del Paese.

Nord Italia: – Allerta meteo di livello giallo sull’Emilia Romagna. Cielo sereno o poco nuvoloso sul resto del territorio. Possibili deboli piovaschi. Banchi di nebbia e dense foschie sulla Pianura Padana.

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo di livello giallo sull’Abruzzo. Nuvolosità estesa e compatta, con precipitazioni diffuse ma di debole entità, sul resto del quadrante. Quota neve a 700 metri sull’Appennino centrale.

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo di livello giallo per la Campania. Nubi basse dense e compatte, con possibili piogge locali, sul resto del meridione e  in particolare su Basilicata, Molise e Puglia.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Deposito rifiuti nucleari, 67 aree individuate in 7 regioni. Sindaci in rivolta

Meteo Italia 7 gennaio: Temperature, Venti e Mari

Temperature: – Le minime sono in leggero rialzo ad eccezione di Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Molise e Puglia dove sono previste deboli flessioni. Le massime sono progressivo aumento in particolare sulla Sardegna, la Calabria e la Sicilia.

Venti: – Deboli variabili su tutto il territorio nazionale con rinforzi decisi su Liguria e Sardegna. Venti forti da meridione su Calabria, Puglia e Sicilia.

Mari: – Molto mossi il mare dello Stretto di Sicilia e il mare Ionio; da mossi a molto mossi il mare del Canale di Sardegna e il mare Adriatico. Poco mossi i restanti bacini.