Benevento-Atalanta 1-4, Ilicic travolge i campani: Tabellino e Highlights

0
944

Un gol e due assist per lo sloveno. In gol anche Zapata e Muriel. Poco da fare per i ragazzi di Inzaghi

Benevento-Atalanta: Tabellino e Highlights

Benevento-Atalanta 1-4, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Benevento-Atalanta: Tabellino e Highlights – Allo stadio Ciro Vigorito Filippo Inzaghi e Gian Piero Gasperini si affrontano sotto la pioggia abbondante di Benevento. Campo pesante e infangato che limita in parte le giocate, ma la manovra bergamasca non sembra risentirne troppo. Sin dai primi minuti quella dell’Atalanta è una pressione costante, con i padroni di casa che provano a far male in contropiede. Protagonisti dell’offensiva della Dea sono i soliti Ilicic e Zapata, con lo sloveno che mette subito pressione alla retroguardia campana. Match di campionato della 17esima giornata duro e vivo già nei primi minuti, con tre ammonizioni in breve tempo. Foulon per il Benevento, per un intervento su Romero, poi due ai danni della squadra ospite con De Roon e Palomino che per un paio di falli tattici vedono subito il cartellino giallo. I ragazzi di Inzaghi giocano con il baricentro molto basso e si fanno gradualmente schiacciare dalla squadra avversaria, pur difendendo con grande attenzione.

Il vantaggio

Al 32′ la partita si accende all’improvviso, ma i sentori c’erano tutti. Il solito Ilicic con una giocata personale da destra crea una voragine nelle difesa campana, ma non è tanto il demerito per i giallorossi, quanto il merito dello sloveno nel trovare il migliore guizzo in uno spazio risrtretto. Con una magia l’attaccante batte anche Montipò, che sulla sinistra non riesce a distendersi in tutto in tempo. Vantaggio assolutamente meritato per la Dea, che non si accontenta e prova subito dopo con Zapata a raddoppiare. Sia l’attaccante colombiano, sia un inserimento di Freuler, non riescono però a far male alla difesa dei padroni di casa come Ilicic, che sembra ormai un giocatore completamente recuperato di forma atletica e psicologica per tornare a essere protagonista con l’Atalanta, proprio quando i nerazzurri hanno di fatto perso il capitano Gomez. Anche Pessina, rispetto ad altri giocatori in rosa, sta facendo molto bene da titolare al posto del numero dieci, dando il proprio contributo tecnico in ogni soluzione offensiva della sua squadra e ripiegando anche in difesa, quando necessario. Nel finale della prima frazione di gioco anche un palo del solito Ilicic, che da una punizione laterale si è accentrato e sfiora la doppietta a Montipò battuto.

La ripresa

Per l’Atalanta la partita sembrava quindi avviarsi già sul binario giusto,  ma Inzaghi con un cambio indovinato, Pastina al posto dell’infortunato Foulon, riesce subito a rimettere in carreggiata il Benevento, dopo cinque minuti dall’inizio del secondo tempo. Il gol è di Sau, che di fatto in spaccata riesce ben appostato sul secondo palo a ribattere in rete il cross del compagno di squadra appena entrato. Dopo tanti sforzi degli ospiti, il punteggio torna di fatto in pareggio, al nulla di fatto. Ora per Gasperini è necessario fare qualcosa, per riportare in vantaggio la propria squadra, ma è Inzaghi a rivoluzionare completamente la formazione di casa con tre cambi per provare a immettere forze fresche e dare la scossa. Dentro Di Serio e Insigne al posto di Sau e Lapadula, il secondo deludente anche oggi, con un ricambio completo di tutto il reparto offensivo. L’allenatore del Benevento spera, ma la partita rivolge nuovamente il suo favore alla Dea, che in due minuti, tra il 69′ e il 71′ riesce a riportarsi il vantaggio e ad allungare con due reti di vantaggio. L’assistman è Ilicic, tanto per cambiare in vero stato di grazia, che manda in gol prima il difensore Toloi, poi il centravanti Zapata, che può finalmente partecipare alle marcature del match dopo diversi tentativi non riusciti. Per il Benevento 120 secondi da incubo, che di fatto spezzano le gambe ai ragazzi di Inzaghi. A questo punto il collega Gasperini si concede dei cambi per far rifiatare i suoi,, ma Gosens non prende bene la sostituzione lamentandosi sia con il suo allenatore, sia con i compagni di squadra in panchina, con una reazione piuttosto esagerata per le circostanze. Al suo posto in campo Maehle, per l’esordio personale con la maglia dell’Atalanta.

Zona Champions

Il Benevento non è più riuscito di fatto a uscire dalla propria metà campo, con l’Atalanta che sembra stare meglio anche da un punto di vista fisico, Muriel compreso che non doveva neanche partire per la trasferta. Il colombiano stesso trova con un destro a giro la conclusione che vale il 4-1, per chiudere definitivamente i conti con i padroni di casa. Una partita che si rivela così a senso unico fino al novantesimo. Con un altro successo i bergamaschi riescono così a iscriversi di diritto nella lista delle grandi affacciandosi prepotentemente nella zona alta della classifica, momentaneamente in quarta posizione. Ormai la Dea sembra aver recuperato definitivamente il ritmo devastante dello scorso anno, non appena gli impegni europei per la Champions League sono terminati in attesa della ripresa del mese prossimo per la fase degli scontri diretti. Per ora però Gasperini si gode però il meglio dei suoi nerazzurri.

Potrebbe interessarti anche -> Milan-Juventus 1-3: doppietta di Chiesa

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Benevento-Atalanta: Tabellino e Highlights

Reti: Ilicic 32′, Sau 50′, Toloi 69′, Zapata 71′, Muriel 86′

Benevento (4-3-2-1): Montipò, Foulon (Pastina 46′), Glik, Barba, Maggio, Ionita (Pinto 80′), Schiattarella, Dabo (Hetemaj 58′), Sau (Di Serio 58′), Improta, Lapadula (Insigne 58′).
Allenatore: Filippo Inzaghi

Atalanta (3-4-1-2): Gollini, Palomino, Romero, Toloi, Gosens (Maehle 73′), De Roon, Freuler (Depaoli 87′), Hateboer, Pessina (Malinovskyi 64′), Ilicic (Miranchuk 87′), Zapata (Muriel 73′).
Allenatore: Gian Piero Gasperini

Arbitro: Gianluca Manganiello

Ammoniti: Foulon, De Roon, Palomino, Lapadula, Dabo
Espulsi:

Highlights QUI