Terrorismo, arrestato un foreign fighter italiano di 24 anni

0
426

Arrestato un foreign fighter italiano di 24 anni: si era arruolato con al Qaeda. Accusato di apologia del terrorismo

TOPSHOT – A fighter from Jaish al-Islam (Islam Army), the foremost rebel group in Damascus province who fiercely oppose to both the regime and the Islamic State group, holds a position in Harasta Qantara, near Marj al-Sultan on the eastern outskirts of Damascus

La Polizia di Stato ha disposto la custodia cautelare in carcere per un ragazzo italiano. Il 24enne è accusato di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale, arruolamento, apologia del terrorismo e istigazione a commettere crimini aventi tali finalità. A coordinare il tutto è stata la Procura della Repubblica dell’Aquila.

Ti potrebbe interessare anche->Miglianico, morto il diciottenne colpito dal fratello alla testa

La storia del foreign fighter italiano

Il ragazzo italiano, dalla nascita residente in Svizzera, si è avvicinato all’Islam già da minorenne. Una volta convertitosi ha attuato una vera e propria condivisione della mouvance jihadista che nel 2014 lo ha incentivato a partire e raggiungere il quadrante siro-iracheno per congiungersi alla formazione qaedista Jabath Fatal al-Saham. Le attività tecnico-informative eseguite dalla Digos di Pescara, dal personale specializzato del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS hanno permesso di capire nei dettagli l’effettivo attivismo del ragazzo italiano tra le fila dei gruppi terroristici affiliati ad Al Qaeda nei posti di guerra del quadrante siro-iracheno.

Inoltre si è scoperta la sua continuativa attività di proselitismo, l’addestramento al combattimento e le sue attività relative all’uso di armi. Con l’aiuto dei dati rilevati in sede di rogatoria internazionale si è potuto scovare il ragazzo, rintracciato insieme a sua moglie (di nazionalità tedesca con origini turche) nel comparto geografico siriano di Idlib. Grazie alla collaborazione con con le autorità turche, i funzionari dell’anti-terrorismo, si sono potuti recare in Turchia per prelevare il ragazzo e imporgli la custodia cautelare.

Ti potrebbe interessare anche->Roma, bambino ingerisce cocaina. Il papà: “Forse mi è caduta dalla tasca”