Meteo in Italia del 22 gennaio, tornano neve e pioggia: allerta in 10 regioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30
0
225

Una nuova perturbazione atlantica si abbatte sull’Italia dalle prime ore del 22 gennaio causando nevicate, piogge e vento di burrasca soprattutto al Centro e al Nord, in base a questi dati la Protezione Civile ha emesso un avviso di meteo avverso con allerta arancione su Liguria, Emilia-Romagna e Toscana e allerta gialla su Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna.

Meteo Italia 22 gennaio

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo i dati presenti nel bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella tarda serata di ieri, 21 gennaio, e valido fino alla Mezzanotte di oggi, 22 gennaio è attivo un avviso di meteo avverso con allerta arancione su Liguria, Emilia-Romagna e Toscana e allerta gialla su Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna.

Meteo Italia 22 gennaio: le previsioni dell’Aeronautica Militare

Con i dati ufficiali del bollettino del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo cosa succede nei singoli settori della Penisola.

Nord Italia: – Allerta meteo di livello arancione su Liguria ed Emilia Romagna, allerta meteo di livello giallo sul Friuli Venezia Giulia.  Nuvolosità diffusa su tutto il resto del territorio. Nevicate diffuse fino ai 500 metri di quota.

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo di livello arancione sulla Toscana, allerta meteo di livello giallo su Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna.

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo di livello giallo sul Molise. Addensamenti compatti sul resto del territorio e in particolare su Campania e Basilicata con precipitazioni e temporali.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Buco dell’ozono Antartide chiuso dopo 40 anni, gioia ambientalisti

Meteo Italia 22 gennaio: la temperatura

Temperature: – Le minime sono senza variazioni di rilievo ad eccezione del lieve  aumento su previsto al Sud. Le massime sono stazionarie ad eccezione del rialzo previsto sulla Pianura Padana e sull’Appennino tosco-emiliano.