Le previsioni meteo per l’Italia del 27 gennaio: temperature in netto rialzo

0
378

La perturbazione atlantica che ha investito l’Italia nel fine settimana ormai è alle spalle tanto che per la giornata del 27 gennaio le previsioni meteo della Protezione Civile e dell’Aeronautica Militare indicano cielo da poco nuvoloso a sereno con temperature in rialzo. 

Previsioni Meteo Italia 27 gennaio

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo i dati presenti nel bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella tarda del 26 gennaio, e valido fino alla mezzanotte del 27 gennaio è attivo un avviso di meteo avverso per rischio idrogeologico suBasilicata, Umbria e Abruzzo. Il resto della cartina dell’Italia è verde e pertanto non sono attive altre allerta.

Le previsioni Meteo per Italia del 27 gennaio

Con i dati ufficiali del bollettino del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo cosa succede nei singoli settori della Penisola.

Nord Italia: –  Cielo da coperto a molto nuvoloso su tutto il versante occidentale e in particolare sulla Valle d’Aosta dove saranno possibili nevicate diffuse. Sereno o poco nuvoloso sul resto del settentrione.

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo per rischio idrogeologico su Umbria e Abruzzo. Cielo coperto con nubi compatte e diffuse, in particolare sulla Sardegna, ma in un contesto asciutto e privo di rovesci. Ampie schiarite in serata.

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo per rischio idrogeologico sulla Basilicata. Cielo coperto o poco nuvoloso sul resto del territorio e in particolare  sulla Sicilia dove sono possibili deboli precipitazioni. Annuvolamenti in serata su Campania, Puglia e Calabria.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Deposito rifiuti nucleari, 67 aree individuate in 7 regioni. Sindaci in rivolta

Le temperature

Temperature: – Le minime sono senza variazioni di rilievo ad eccezione del Veneto e della Lombardia dove sono previsti aumenti. Aumenti decisamente più marcato su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Le massime sono in aumento, e in particolare sulle Alpi e sulla Sardegna. Diminuzione sul Veneto, sulla Campania e sulla Calabria.