Morto Benito Boldi: ex calciatore, vinse lo scudetto con la Juventus

0
192

Un lutto ha colpito il mondo del calcio italiano, morto Benito Boldi: l’ex calciatore vinse lo scudetto con la Juventus.

Benito Boldi (archivio/Pixabay)

Si è spento a 86 anni l’ex calciatore Benito Boldi, conosciuto soprattutto negli anni Cinquanta, quando ebbe una discreta carriera nel campionato di Serie A. In particolare, l’allora terzino originario del Friuli ebbe la possibilità di indossare maglie importanti come quelle di Spal e Juventus. Viene conosciuto anche come Boldi II.

Leggi anche -> Schumacher “un combattente”, l’ex pilota riaccende la speranza

La sua infatti è una famiglia di calciatori: il fratello maggiore, Mario, militò negli anni Cinquanta nel Palermo. Un altro fratello, Luciano, ha militato anche egli nella Spal: i due non giocarono mai insieme a Ferrara. Si ritrovarono però a fine anni Cinquanta a militare nel Catania. Con loro c’erano anche Guido Macor e Adelmo Prenna.

Leggi anche -> Calcio in lutto: è morto Renato Campanini. La ‘Faina’ aveva 82 anni

Chi era Benito Boldi: gli anni in Serie A tra Spal e Juventus

Classe 1934, pur avendo avuto una carriera discreta, Benito Boldi abbandonò di fatto la Serie A quando era ancora molto giovane, a 25 anni. Aveva esordito a soli 20 anni con la Spal negli anni d’oro della presidenza di Paolo Mazza. Fu Genoa-Spal la sua prima partita nel massimo campionato di calcio. Quell’anno i ferraresi retrocedettero e il terzino passò alla Juventus. Proprio contro la sua ex squadra, nel frattempo ripescata dalla Serie B, fu l’esordio in bianconero.

Dopo un anno con la Juventus, torna alla Spal pur non trovando posto tra i titolari, quindi il rientro in bianconero nella stagione 1958-1959. Anche se non era titolare di quella squadra, fu parte attiva del gruppo che vinse lo scudetto della prima stella, ovvero il decimo della storia del club bianconero. Appena 10 le presenze in due stagioni con la Juventus, nel corso delle quali legò con John Charles. Il 15 marzo 1959 la sua ultima partita in Serie A, il derby col Torino perso dai bianconeri. Passò al Catania, dove fu protagonista di una storica promozione in Serie A. Ma in estate si trasferì al Cesena per due stagioni, quindi alla Biellese, dove rimase sei stagioni prima di ritirarsi.