Previsioni Meteo in Italia per il 5 febbraio, tregua prima di pioggia e neve

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:37
0
131

Le previsioni meteo per l’Italia di venerdì 5 febbraio indicano un giorno di tregua prima di un fine settimana all’insegna di pioggia, neve e temperature in discesa, per oggi il Bollettino Ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile e i dati del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare indicano instabilità e massime in leggera discesa. Vediamo i dettagli

Previsioni Meteo 5 febbraio

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo il bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella serata di ieri 4 febbraio e valido fino alla mezzanotte di oggi, 5 febbraio, la cartina dell’Italia è completamente verde e pertanto non sono attive allerta di nessun genere.

Previsioni Meteo 5 febbraio: i dati dell’Aeronautica Militare

Con i dati presenti nel bollettino ufficiale del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo cosa succede nei singoli quadranti del Paese.

Nord Italia: – Cielo molto nuvoloso con possibili piogge in particolare su Liguria, Piemonte e Lombardia. Cielo sereno sul resto del settore. Dal primo mattino al tramonto sono previste deboli nebbie e foschie dense in particolare sul Veneto.

Centro Italia e Sardegna: – Nuvolosità consistente ma in quadro asciutto è prevista su Sardegna, Toscana e Umbria. Nuvole bassi e stratiformi sulle Marche e sull’Abruzzo; ampi rasserenamenti sul Lazio. Nebbie e foschie per tutta la giornata lungo le coste.

Sud Italia e Sicilia: – Nubi basse e stratiformi con possibili lievi piogge locali su Puglia e Basilicata; ampio soleggiamento sul resto del meridione. Foschie dense e nebbia sulle coste della Calabria.

—>>> Ti potrebbe interessare anche La formula degli scienziati per catturare Co2

Le temperature

Le minime sono stazionarie ad eccezione della lieve flessione prevista su Piemonte, Emilia Romagna, Sardegna, Marche e Campania. Le massime sono in diminuzione su tutto il Paese ad eccezione dei rialzi previsti su Liguria, Lombardia, Veneto, Toscana e Umbria.