Juventus-Roma 2-0, sorpasso bianconero: Tabellino e Highlights

0
1090

La squadra di Pirlo conquista il terzo posto in classifica con un gol di Ronaldo e un’autorete di Ibanez

Juventus-Roma: Tabellino e Highlights

Juventus-Roma 2-0, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Juventus-Roma: Tabellino e Highlights – Lo scontro diretto tra Juventus e Roma vale il terzo posto in classifica. Andrea Pirlo è soddisfatto dei suoi, che sembrano aver metabolizzato i suoi schemi di gioco con gli ultimi risultati favorevoli dei bianconeri. La Roma ha vissuto un periodo ben più movimentato all’interno dello spogliatoio con i contasti tra Paulo Fonseca ed Edin Dzeko che hanno rischiato di spaccare la squadra e di provocare un avvicendamento in panchina prima del tempo, oltre alla possibilità di scambiare l’attaccante bosniaco con Alexis Sanchez dell’Inter. Per ora crisi rientrata e pace fatta, con l’ex capitano che contro i bianconeri siederà però solo in panchina. I risultati in campo però ai giallorossi non sono mancati, tanto che la squadra di Fonseca è comunque terza davanti alla rivale, ma molto dipenderà anche dall’esito di questa gara. Il tecnico portoghese torna a puntare quindi su Borja Mayoral, supportato da un Mikhtaryan quest’anno in stato di grazia. In avanti i padroni di casa rispondono con l’insostituibile Ronaldo, che torna ad avere come compagno di reparto l’attaccante spagnolo Alvaro Morata. I primi minuti dei giallorossi sono molto buoni, perché la squadra ospite copre bene gli spazi ed è più propositiva in avanti. La Juventus preferisce aspettare, ma rischia di farsi schiacciare troppo.

Il vantaggio

Spinazzola spinge molto a sinistra, Karsdorp fa altrettanto a destra, Mayoral fa tanto movimento tra le maglie di Chiellini e Bonucci. Non basta fare la partita però, perché i bianconeri riescono nel corso del primo tempo ad essere più cinici. I padroni di casa difendono bene e ripartono veloci. In una di queste occasioni, già al 13′, è proprio il fenomeno portoghese a ricevere il pallone di Morata e in un batter d’occhio, dopo essersi spostato il pallone con la suola, tira di sinistro battendo difesa giallorossa schierata e Pau Lopez. Da questo momento CR7 tirerà in altre due occasioni prima dell’intervallo. In un’occasione Kumbulla devia la conclusione sulla traversa, con la Roma che si salva. In un’altra sarà Pau Lopez a negare la doppietta al numero 7. Gli ospiti, nonostante lo svantaggio, non si demoralizzano e continuano a fare gioco, ma poi all’effettivo non riescono mai a impensierire veramente Szczesny. La partita rimane comunque aperta, anche se il peso di Dzeko in avanti potrebbe essere decisivo già nel secondo tempo, in una partita di questo tipo. Il possesso del pallone è per la Roma, ma sono gli avversari ad aver mosso il punteggio. Per i bianconeri molto buona anche la spinta di Alex Sandro a sinistra, che contro Karsdorp non ha un cliente facile da superare, e la prestazione di sacrificio di Morata, che in mezzo alle maglie della retroguardia giallorossa riesce sempre a fare sponda e a favorire l’inserimento dei compagni, come in occasione del gol. Si va così negli spogliatoi sul minimo vantaggio per la squadra di Pirlo, ma nel secondo tempo, date le premesse, sono garantite altre emozioni.

La ripresa

Nel secondo tempo prevale per entrambe le squadre una lunga fase di studio, perché le occasioni sono meno del primo tempo, anche se l’agonismo rimane altissimo. Né Morata né Borja Mayoral sono precisi nelle loro conclusioni, ben più alte della porta di Szczesny e Pau Lopez, mentre sia Pirlo, sia Fonseca, mandano a scaldare diversi uomini per poter ridare brillantezza con le sostituzioni alle rispettive formazioni. Mkhitaryan è il più pericoloso fra i giallorossi ma, pur con fatica, i difensori bianconeri riescono sempre a cavarsela contro il treno armeno. Con il risultato sfavorevole, il tecnico portoghese dei giallorossi decide allora di effettuare un triplo cambio al 63′. Entrano così per il resto del secondo tempo, una mezz’ora buona, Diawara, Perez e soprattutto Dzeko in avanti al posto di Borja Mayoral. Poco dopo Pirlo risponderà invece con Cuadrado e Kulusevski, per non far abbassare troppo il baricentro della squadra. Perez mette qualche privido al portiere bianconero con un tiro molto forte, ma centrale, anche se saranno poi i due subentrati della Juve a fare nuovamente la differenza nel punteggio. Azione tutta da destra in tandem tra Cuadrado e Kulusevski costringe Ibanez a un intervento disperato, che invece di deviare fuori il pallone mette in porta il cross tagliato dello svedese. La Juventus riesce così a raddoppiare ed è in vantaggio di due gol al 70′. Ora la Roma ha solo venti minuti scarsi per rimontare. Nonostante i cambi la Roma non sembra però avere la forza di farlo, perché la Juventus rimane facilmente in controllo della partita. L’imbattibilità ritrovata di Szczesny in campionato è anche merito del ritorno di un veterano come Giorgio Chiellini, capace di ridare equilibrio al reparto offensivo della squadra. La vittoria dei bianconeri vale anche il sorpasso in classifica, proprio ai danni dei giallorossi, e la conquista del terzo posto provvisorio dietro Milan e Inter. Un risultato prezioso in uno scontro diretto delicato che potrebbe fare la differenza alla fine della stagione. Un altro passo in avanti per la squadra che ha vinto questa competizione negli ultimi nove anni.

 

Potrebbe interessarti anche -> Fiorentina-Inter 0-2: gol di Barella e Perisic

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Juventus-Roma: Tabellino e Highlights

Reti: Ronaldo 13′, Ibanez 70′ (A)

Juventus (4-4-2): Szczesny, Alex Sandro (Demiral 85′),, Chiellini, Bonucci (De Ligt 85′), Danilo McKennie (Cuadrado 65′), Rabiot, Arthur, Chiesa (Bernardeschi 82′), Ronaldo, Morata (Kulusevski 65′).
Allenatore: Andrea Pirlo

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez, Ibanez, Kumbulla, Mancini, Spinazzola, Cristante (Perez 63′), Villar (Diawara 63′), Karsdorp (Peres 76′), Mkhitaryan, Veretout, Borja Mayoral (Dzeko 63′).
Allenatore: Paulo Fonseca

Arbitro: Daniele Orsato

Ammoniti: Mancini, Arthur, Kumbulla, Ronaldo

Espulsi:

Highlights QUI