Martina Facchini e Ylenia Demeo, le ragazze che accusano Genovese

0
1391

Ospiti di Non è l’Arena, per la prima volta in tv la verità di Martina Facchini e Ylenia Demeo, chi sono le ragazze che accusano Genovese.

(Instagram)

Si chiamano Martina Facchini e Ylenia Demeo, hanno poco più di 20 anni e anche se i loro nomi non dicono nulla a molti, sono indirettamente molto note. Infatti, sono le due ragazze che nei mesi scorsi hanno lanciato gravissime accuse nei confronti di Alberto Genovese, l’imprenditore considerato mago delle start-up.

Leggi anche -> Caso Genovese, Andreoli: ‘Ragazze commosse per le parole di Nunzia De Girolamo e dell’Avvocato Chiesa’

La loro vicenda viene raccontata nella puntata del 7 febbraio di Non è l’Arena, il programma di La7 condotto da Massimo Giletti. In realtà, già nei giorni scorsi, in un’intervista apparsa sulla rivista Men on Wheels, le due ragazze – che sono una modella e una studentessa davvero molto giovani – avevano deciso di dire la loro.

Leggi anche -> Alberto Genovese un’altra accusa di stupro e cessione di stupefacenti

La testimonianza di Martina Facchini e Ylenia Demeo

Milanese Martina, la più grande delle due, di origini baresi la seconda, che a quanto pare con Genovese avrebbe avuto una relazione, nell’intervista hanno spiegato: “Tutti sapevano che accadeva, ma tutti lo temevano perché era potente e offriva tutto a tutti”. Proprio la logica del “tutti sapevano”, il muro di omertà su questa vicenda, sono quello che le due ragazze hanno mostrato di non voler più tollerare. Per questo hanno scelto di rendere pubblica questa storia.

La vicenda che entrambe raccontano è sempre la stessa: una delle due ha visto l’altra uscire da una stanza in stato confusionale, poco dopo si è resa conto di avere dei buchi di memoria anche lei. In quei buchi neri, secondo quanto sostengono le due accusatrici di Alberto Genovese, si sarebbe consumato l’abuso sessuale nei loro confronti. Le ragazze, entrambe assistite dall’avvocato Ivano Chiesa, sarebbero state abusate sia a Ibiza che a Milano. La loro storia è stata criticata: gli interessi professionali delle due ragazze sarebbero infatti curati da Fabrizio Corona, che dall’avvocato Chiesa è difeso. Il legale ha evidenziato: “Non è vero. Corona lavora per Athena che fornisce contributi giornalistici, e quindi fa il suo mestiere”. Insomma, nessun legame tra le ragazze e l’ex paparazzo dei vip, in ogni caso, non sarebbe lui il “burattinaio” che ne guida le azioni.