Le previsioni meteo per l’11 febbraio: allarme maltempo su Lazio e Calabria

Le previsioni meteo per l’Italia di giovedì 11 febbraio sono all’insegna della diffusione della perturbazione che, da domani, porterà sulla Penisola gli effetti completi di Burian 2021. Neve al Nord e pioggia, anche intensa, al Centro e al Sud. Temperature stabili. In questa ottica il Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile ha emesso un avviso di meteo avverso con allerta arancione su Calabria e 
Lazio e un’allerta gialla su Emilia Romagna, Sardegna, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Basilicata.

Meteo Italia 21 gennaio

 

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo il bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella serata di ieri 10 febbraio e valido fino alla mezzanotte di oggi, 11 febbraio, è stato emesso un avviso di meteo avverso con allerta arancione su Calabria e 
Lazio e un’allerta gialla su Emilia Romagna, Sardegna, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Basilicata.

Previsioni Meteo dell’11 febbraio dell’Aeronautica Militare

Con i dati presenti nel bollettino ufficiale del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo cosa succede nei singoli settori dell’Italia.

Nord Italia: – Allerta meteo di livello giallo sull’Emilia Romagna, cielo da sereno a  nuvoloso con locali addensamenti sulle Alpi. Presenti foschie dense sulla Pianura Padana

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo di livello arancione sul Lazio, allerta meteo di livello giallo su Sardegna, Umbria, Abruzzo, Molise. Nubi sparse sul resto del territorio in rapida diffusione dal pomeriggio soprattutto sulle Marche.

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo di livello arancione sulla Calabria, allerta meteo di livello giallo su Molise, Puglia, Campania e Basilicata.  Diffusa instabilità sul resto del territorio.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Il “maxi-processo” sulla contaminazione da Pfas

Le temperature

Temperature: – Le minime sono stazionarie ad eccezione del calo previsto sul Centro peninsulare e sulla Sardegna. Le massime sono in diminuzione ad eccezione del lieve aumento previsto su Liguria, Piemonte, Lombardia e Toscana.