Braga-Roma, dove vederla. Dzeko in campo senza fascia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
0
51

Il bosniaco torna titolare, ma non sarà capitano. Derby portoghese per Fonseca

Braga-Roma, dove vederla

Braga-Roma, dove vederla

 

Braga-Roma, dove vederla – Edin Dzeko giocherà, lo ha confermato Paulo Fonseca, ribadendo però che la fascia sarà sul braccio di Cristante. Nonostante le scuse il bosniaco sembra ormai aver perso definitivamente il ruolo di capitano, per quanto ai sedicesimi di Europa League sia impossibile per il tecnico portoghese escludere un attaccante che con questa maglia ha segnato 114 gol, il terzo marcatore in assoluto della storia del club giallorosso. Questa sera contro il Braga (diretta tv dalle 18:55 su Sky Sport Arena e Sky Sport canale 253, in esclusiva per la mancata diretta in chiaro su Tv8, scelta presa nelle ultime ore), con il tecnico romanista che torna di fatto a casa, Dzeko e chiamato a lasciare il segno, anche se ormai finito nella spirale della staffetta con Borja Mayoral. I giallorossi sono favoriti contro il club lusitano, anche se di fatto questo è il primo confronto diretto tra le due squadre. Il Braga sarà la settimana squadra portoghese diversa che la Roma affronta in una competizione europea, dopo aver battuto ognuna delle altre sei almeno una volta. Nell’ultima sfida avevano però perso contro il Porto nella Champions League 2018-19. Contro le squadre italiane in casa va però detto che i biancorossi non hanno mai perso, anche se i confronti precedenti l’avevano visto contro Chievo, Udinese e Parma. Per l’allenatore Carvalhal la squadra di Fonseca rappresenta certamente un pericolo ben più serio, con i padroni di  casa che cercheranno di ribaltare le attese del pronostico. Il tecnico giallorosso non opterà per un gran turnover, dimostrazione che i giallorossi comunque credono in una competizione nella quale finora non hanno incontrato grandi difficoltà, almeno nella fase a gironi. Allo Stadio Axa Dzeko e compagni contano quindi di poter far bene, ma dipenderà molto anche dallo stato psicologico del bosniaco.

Così in campo

Gli altri uomini scelti da Fonseca sono quelli che finora in stagione hanno fatto molto bene. Mkhitaryan e Pedro dietro l’unica punta partiranno quasi sicuramente titolari, mentre il centrocampo sarà coperto da Veretout e Diawara. Spinazzola e Karsdorp confermati sulle fasce, mentre Cristante di nuovo in posizione arretrata avrà come compagni di reparto Ibañez e Mancini. Pau Lopez riconfermato tra i pali. Con il classico 3-4-2-1 la Roma tenterà quindi di scardinare la difesa di casa, quella di un modulo speculare che vedrà molto probabilmente la formazione portoghese con Matheus in porta, Sequeira, Viana e Tormena a comporre il terzetto difensivo, Novais e Al Musrati a centrocampo, Galeno ed Esgaio sulle fasce per dare supporto alla manovra offensiva al reparto offensivo formato dai trequartisti Horta e Piazon, alle spalle dell’unica punta Ruiz. Se Dzeko sta bene e dimostrerà di aver superato la crisi personale e con l’allenatore, potrà di certo confermarsi tra i protagonisti della manifestazione, lui che come cannoniere è stato leader in Bundesliga, Premier League e anche nella stessa Europa League, quando nel 2016.17 era stato il bomber più prolifico. Anche a quasi 35 anni il bosniaco può essere quindi decisivo per la sua squadra, ma solo se saprà lasciarsi alle spalle le scorie delle divisioni e dei contrasti interni. Tensioni, che per fortuna della squadra, non hanno finora condizionato il rendimento della Roma, né in Italia né in Europa.

 

Potrebbe interessarti anche -> Porto-Juventus 2-1: bianconeri battuti

Segui l’Europa League su Twitter