StellaRossa-Milan 2-2, rossoneri beffati nel finale: Tabellino e Highlights

0
337

Pankov segna al 93′ il gol del pareggio. Il Diavolo pensa già al derby

StellaRossa-Milan: Tabellino e Highlights

StellaRossa-Milan  2-2, Cronaca, Tabellino ed Highlights

StellaRossa-Milan: Tabellino e Highlights – Il Milan gioca a Belgrado la partita d’andata dei sedicesimi d’Europa League contro la StellaRossa. Questo è l’unico trofeo che manca alla bacheca dei rossoneri, sin da quando la competizione si chiamava Coppa Uefa, ma gli impegni continentali per la squadra di Stefano Pioli si collocano in un periodo dal calendario serrato. Le due sfide con i serbi faranno infatti da cornice alla supersfida che vede il diavolo fronteggiare i cugini dell’Inter allenati da Antonio Conte in una derby che quest’anno vale il vertice della classifica di Serie A, come non accadeva ormai da tante stagioni, troppe per la città di Milano. Contro la squadra di casa, ora allenata dall’ex centrocampista nerazzurro Dejan Stankovic, Pioli è quindi costretto a fare del turnover, per cercare anche di risparmiare almeno parzialmente la forma fisica dei suoi pezzi pregiati in rosa. Al posto di Ibrahimovic, Leao e Calhanoglu, ecco così in campo dal primo minuto Rebic, Manzukic e Krunic nella posizione di trequartista, mentre Tomori gioca titolare al fianco di Romagnoli per garantire un migliore recupero a Kjaer, ancora non al massimo della condizione. Il campo per il diavolo si conferma essere subito molto ostico, perché pur dimostrando una netta superiorità tecnica rispetto alla squadra di casa, il Milan fa fatica nel trovare gli spazi e soffre in parte il pressing degli uomini di Stankovic. L’ex centrocampista ha preparato bene la gara, impedendo ai rossoneri di giocare bene. Va però detto che viene dopo qualche minuto di gioco annullato il gol del vantaggio a Theo Hernandez, terzino sempre letale anche in posizione offensiva, anche se quest’oggi marcato stretto, per un tocco di mano durante l’azione d’attacco. Qualche tiro da parte di Falcinelli e compagni, con la punta italiana ora in forza al club serbo, ma sempre conclusioni da fuori alle quali Donnarumma può opporsi senza particolari patemi. La partita dal punto di vista tecnico non è bellissima, senza particolari giocate da una parte o dall’altra, almeno fino alla mezz’ora, con Manzukic che tocca pochissime volte il pallone, ma forse la notizia, negativa per il Milan, è l’infortunio muscolare di Bennacer, che di fatto ha una ricaduta rispetto all’ultimo infortunio che gli ha impedito di giocare quest’anno diverse partite. Al 39′ l’algerino deve quindi uscire per far posto al compagno di reparto Tonali. Proprio quando la partita sembra avviarsi gradualmente verso l’intervallo, un cross apparentemente innocuo di Castillejo trova la deviazione goffa del difensore Pankov, che in modo abbastanza ingenuo respinge un pallone non irresistibile verso la propria porta, con Borjan preso completamente in contropiede e incapace di impedire l’autogol. I rossoneri si trovano così in vantaggio, meritatamente, ma anche in modo molto fortunoso per la dinamica dell’episodio. Marcando a zona sui calci piazzati avversari e a uomo sui calci d’angolo, i ragazzi di Pioli riescono poi a impedire che la squadra di casa possa reagire al gol subito e pareggiare. Neanche Milunovic, pur tirando da buona posizione, riesce a trovare la porta di Donnarumma, così che le squadre rientrano negli spogliatoi sul risultato di 1-0 per il Milan anche dopo i due minuti di recupero assegnati dall’arbitro greco Sidiropoulos.

La ripresa


Per il secondo tempo Pioli decide di inserire subito Leao al posto di uno spento Rebic, nella speranza di dare maggiore velocità e brillantezza alla manovra offensiva della sua squadra. In realtà dopo soli cinque minuti Romagnoli viene ammonito per un fallo che comporta anche il calcio di rigore per la squadra di casa. La StellaRossa trova così il pareggio con Kanga, che non sbaglia dal dischetto e batte Donnarumma. Il gol subito è una sorta di sveglia per i rossoneri, perché da quel momento il Milan riuscirà a trovare maggiore convinzione in attacco, costringendo Milunovic e Rodic a prendere il cartellino giallo, mentre al 61′ sarà a sua volta la squadra ospite a ricevere un rigore a favore. Date le assenze di Ibrahimmovic e Kessie, è Theo Hernandez a calciare dagli undici metri, ma il terzino francese insacca il pallone senza pensarci due volte. Con il nuovo vantaggio il diavolo può raccogliere un altro gol prezioso per la conta finale, dato il valore doppio delle reti fuoricasa nell’evenienza di una partita di punteggio dopo i 180 minuti. Con l’espulsione di Rodic al 77′, per secondo giallo, il Milan prova a non correre ulteriori rischi, sfiorando più volte il terzo gol, tanto che, per gli ultimi dieci minuti, Pioli decide di far riposare Mandzukic, inserendo Calhanoglu, e Dalot per far sedere in panchina Hernandez. L’attaccante croato è stato prezioso in chiave tattica, anche se da solo in attacco fa un po’ fatica nel trovare occasioni per far gol, dal momento che è spesso costretto a prendersi tutte le marcature. La svista grave per i rossoneri arriva su un calcio piazzato in pieno recupero, perché con una traiettoria precisa è Pankov di testa a sorprendere la difesa ospite al 93′, con Donnarumma che vede sfilare alle sue spalle il pallone, sperando fino all’ultimo che uscisse. Un buon risultato per il diavolo, considerando che la partita si giocava a Belgrado, ma per come è andata è un risultato un po’ misero, con i ragazzi di pioli che meritavano almeno la vittoria. Evidentemente il turnover e il derby fra soli tre giorni non hanno favorito la condizione ideale dei rossoneri, questo quanto dice il risultato finale.

 

Potrebbe interessarti anche -> Porto-Juventus 2-1: bianconeri battuti

Segui l’Europa League su Twitter

StellaRossa-Milan: Tabellino e Highlights

Reti: Pankov 42′ (A), Kanga 52′, Hernandez 61′, Pankov 93′

StellaRossa (3-4-2-1): Borjan, Degenek, Pankov, Milunovic, Rodic, Ptrovic, Kanga, Gobelijc (Gajic 74′), Ivanic, El Fardou Ben (Falco 62′), Falcinelli.
Allenatore: Dejan Stankovic

Milan (4-2-3-1): Donnarumma, Theo Hernandez, Romagnoli, Tomori, Kalulu, Meité, Bennacer (Tonali 39′), Rebic (Leao 46′), Krunic, Castillejo, Mandzukic.
Allenatore: Stefano Pioli

Arbitro: Tasos Sidiropoulos

Ammoniti: Romagnoli, Milunovic, Rodic, Mandzukic, Donnarumma

Espulsi: Rodic

Highlights QUI