Pozzo d’Adda, spaventoso incendio in una ditta di lavorazioni metalliche

0
677

Un incendio di vaste proporzioni ha coinvolto una ditta di Pozzo d’Adda che tratta metalli: i Vigili del Fuoco hanno impiegato circa 5 ore per domare le fiamme.

incendio in una ditta di pozzo d'adda
(Foto: Vigili del Fuoco)

Notte di fuoco a Pozzo d’Adda, comune lombardo a nord-est di Milano: verso le 21 di ieri, giovedì 25 febbraio, un enorme incendio è divampato nello stabilimento di una ditta di lavorazioni metalliche, la Ditta Ossidazione Anodica Srl, situata in via Berlinguer, nell’area industriale della cittadina. Le fiamme si sono sollevate in aria per una decina di metri, risultando visibili a chilometri di distanza e dando origine a una densa nube tossica di fumo che ha costretto la Protezione Civile a raccomandare agli abitanti di tenere porte e finestre chiuse. Nella stessa azienda si era verificato un episodio simile nel giugno 2018.

Ti potrebbe interessare anche -> Assaltavano i bancomat con esplosivo: sgominata la banda, 10 arresti

Incendio in una ditta di Pozzo d’Adda: l’intervento dei Vigili del Fuoco

L’allarme è scattato alle 20.25. Sul posto dello spaventoso incendio sono intervenuti una decina di mezzi dei Vigili del Fuoco e la Protezione Civile. Le fiamme si sarebbero originate all’interno di un silos esterno, poi poi raggiungere in poco tempo la ditta che tratta i metalli. Nel corso dell’intervento per lo spegnimento dell’incendio la strada è stata transennata per il rischio di una eventuale esplosione.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, Iss: “Variante inglese e brasiliana nelle acque di scarico”

Secondo le indiscrezioni, l’azienda al momento della tragedia era vuota e non si registrano quindi morti o feriti. Le fiamme sono state domate soltanto verso l’1.30, dopo 5 ore intense di lavoro da parte dei Vigili del Fuoco. Ancora da chiarire cosa ha fatto divampare l’incendio: i danni al capannone della Ditta Ossidazione Anodica Srl sono ingenti, ma non essendo stati coinvolti i fusti di acido presenti all’interno, l’emergenza ambientale sembra essere scongiurata.