A Torino il primo parto al mondo di una donna con sindrome di Alstrom

0
160

I medici dell’ospedale Sant’Anna di Torino hanno assistito con successo al parto di una donna affetta dalla sindrome di Alstrom: è il primo caso al mondo.

a torino il primo parto al mondo di una donna con sindrome alstrom
Foto: Pixabay

All’ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino una ragazza di 26 anni affetta dalla sindrome di Alstrom ha dato luce a un maschietto. Come riferito dal personale sanitario si tratta di una notizia inedita, essendo il primo caso al mondo. Quella di Alstrom è una rara malattia genetica multisistemica che può portare oltre a gravi problemi di vista e udito, anche a diabete, disfunzioni cardiache, renali ed epatiche e all’infertilità.

In tutta la popolazione mondiale sono stati descritti complessivamente 450 casi, che non hanno mai registrato alcuna gravidanza. La sindrome di Alstrom viene trasmessa solo se entrambi i genitori ne sono portatori e si manifesta poco dopo la nascita. Ad oggi non esiste ancora una terapia specifica, ma una diagnosi precoce può consentire a migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto.

Ti potrebbe interessare anche -> Cinema e teatri riaperti in zona gialla: c’è la data

Il primo parto al mondo di una donna affetta da sindrome di Alstrom

Nonostante la sindrome che l’affligge, la giovane donna ha affrontato la sua gravidanza con un decorso regolare fino all’ottavo mese, quando poi sono emersi alcuni segnali di peggioramento della funzione cardiovascolare e renale, che hanno portato conseguentemente a un taglio cesareo anticipato presso il reparto di Ginecologia e Ostetricia 1 universitaria, sotto la supervisione della professoressa Chiara Benedetto.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid-19 terapia domiciliare: ecco come sconfiggere il virus

La 26enne è stata assistita durante l’intero periodo di gestazione presso gli ambulatori per le gravidanze a rischio. Dopo il parto, sia la mamma che il neonato sono rimasti in buone condizioni di salute. Il piccolo pesa 1,950 grammi e si trova attualmente ricoverato presso la Neonatologia universitaria diretta dal professor Enrico Bertino.