Covid, Giovanni Maga: “Il virus rialza la testa. Ma non ha senso parlare di terza ondata”

0
421

Il direttore del laboratorio dell’istituto di Genetica molecolare del Cnr di Pavia, Giovanni Maga concorda sul mantenere la suddivisione del Paese in fasce, ma pone dei dubbi rispetto alla strategia di vaccinare posticipando nel tempo la somministrazione della seconda dose.

Facebook – Giovanni Maga

Giovanni Maga: “L’epidemia sta rialzando la testa” ma non parliamo di terza ondata, Sono oscillazioni artificiali

“L’epidemia sta rialzando la testa. È assolutamente necessario prendere tutte le misure per poter contenere questo nuovo aumento dei casi”.

Maga non vuole sentir parlare di “terza ondata”: “Personalmente non amo questa definizione – dichiara a Open – le oscillazioni che vediamo sono fondamentalmente il risultato delle nostre misure di prevenzione quindi sono rallentamenti, diciamo così, “artificiali”. Il virus continua a circolare nel momento in cui ci sono occasioni per far partire nuove catene di trasmissione e da ottimo parassita quale è non si fa mancare questa opportunità. L’ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità ci dice che un numero maggiore di Regioni rispetto a due settimane fa hanno indici di occupazione sopra soglia o comunque molto vicini alla soglia di attenzione e questo è sicuramente un elemento di cui tenere conto”.

L’intervista di Open

Sulla variante inglese: “probabilmente sostituirà gli altri ceppi circolanti”

Rispetto alla cosiddetta variante inglese, Maga dichiara: “La variante probabilmente sostituirà gli altri ceppi circolanti, ma questo non significa necessariamente che ci sarà un’esplosione di casi se riusciremo a mantenere un adeguato livello di contenimento. Sappiamo anche che non colpisce in maniera specifica i bambini, come si era sentito dire qualche tempo fa. È assolutamente necessario continuare ad avere il massimo rigore nella prevenzione e molta prudenza perché se anche queste varianti non causano delle patologie più gravi si possono diffondere facilmente e aumentare in maniera significativa i casi di infezione”

Vaccini, dilazionare la somministrazione della seconda dose? «Ho qualche dubbio»

Il grande ostacolo è il tasso di vaccinazione, che ultimamente va avanti un po’ a rilento. Sulla questione Maga afferma:“Certamente c’è un intervallo di tempo in cui si può posticipare la seconda dose di vaccini come Pfizer e Moderna, ma è importante farlo soltanto sulla base di dati solidi, perché altrimenti il rischio è che le persone con la prima dose possano perdere un po’ dell’immunità acquisita e quindi rientrare in una categoria di rischio”.

Essenziale è velocizzare le vaccinazioni “aumentando il più possibile il ritmo e rendendo più facile l’accesso moltiplicando i punti in cui vengono somministrati” in attesa del mese di marzo quando l’l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) potrebbe approvare il vaccino monouso Johnson&Johnson. Maga si dice fiducioso. “Sarà un ulteriore strumento per il controllo dell’epidemia. Come ho avuto modo già di dire altre volte, secondo me potrebbe essere una strategia vincente cercare di reperire dosi di vaccini approvati sul mercato internazionale laddove possono essere disponibili. Perché la priorità assoluta, ripeto, è vaccinare il maggior numero di persone possibili secondo i protocolli più efficaci”.

Ti potrebbe interessare anche –> Covid-19, primo caso di variante sudafricana in Sicilia