Emily Ratajkowski tutta nuda su Instagram: ecco cosa rischia

0
330

La super modella londinese ma naturalizzata statunitense, Emily Ratajkowski, ha deciso si sfidare Instagram postando, nell’arco di poche ore, dieci foto in cui compare completamente nuda: ora rischia seriamente il blocco dell’account. Ecco perchè

Emily Ratajkowski nuda Instagram blocco

La super modella e attrice made USA Emily Ratajkowski ha deciso di sfidare la policy del popolare social network Instagram. Nell’arco di poche ore, a cavallo tra la sera italiana di martedì 2 marzo e le prime ore del mattino di mercoledì 3, ha piazzato online tre post in cui si mostra completamente senza veli.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Emily Ratajkowski è incinta. L’annuncio a Vogue America e su Instagram

Il post della modella

Ricordiamo che la modella, nata a Londra nel 1991 ma naturalizzata USA, è al sesto mese di gravidanza e tenendo fede al suo ruolo di portavoce di Planned Parenthood, la Federazione Internazionale genitorialità pianificata, ha deciso di esporre al massimo il proprio stato. Da ottobre ad oggi sono diversi i post in cui mostra con orgoglio la propria gravidanza. Ma mai completamente nuda come negli ultimi tre post. L’ultimo, in particolare, la ritrae senza veli e senza censura.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emily Ratajkowski (@emrata)

Emily Ratajkowski tutta nuda su Instagram: rischia il blocco

Le scelte, soprattutto se compiute in piena consapevolezza e convinzione, sono sempre legittime ma la modella questa volta rischia seriamente il blocco dell’account. Nei mesi scorsi, infatti, la Ratajkowski aveva ricevuto diversi alert dal social network legato a Facebook, ma incurante ha deciso di continuare a postare forte del consenso e del numero dei followers, circa 30.000. Ma stavolta, nonostante le migliaia di like e di commenti la scure della censura è pronta ad abbattersi. La bella, brava e impegnata Emily Ratajkowski riuscirà a salvare l’account in tempo per mostrare al mio l’erede? Lo scopriremo nelle prossime settimane.