Il Metodo Catalanotti, riassunto e trama dell’opera di Andrea Camilleri

0
1830

Il Metodo Catalanotti è il nuovo romanzo di Andrea Camilleri, basato sul personaggio del Commissario Montalbano. L’agente italiano più amato nella letteratura moderna italiana, questa volta si troverà coinvolto in un caso d’omicidio, dove tutto sembra cambiare attimo dopo attimo.

Il Metodo Catalanotti, riassunto e trama del nuovo romanzo di Andrea Camilleri (eBay)
Il Metodo Catalanotti, riassunto e trama del nuovo romanzo di Andrea Camilleri (eBay)

La storia comincia con Mimì Augello, braccio destro del protagonista, che mentre si sta godendo una scappatella amorosa con l’ennesima amante, è vittima di un imprevisto.

Il marito della donna rientra a casa prima del solito, Mimì è costretto a rivestirsi in fretta per poi calarsi giù dalla finestra per non esser colto in flagrante.

Mentre l’uomo sta cercando di accedere all’appartamento del piano di sotto, trova una pessima sorpresa, sul letto c’è un cadavere in abito, rigido ormai da tanto tempo. Augello lascerà la casa per poi precipitarsi in commissariato per denunciare l’accaduto.

Nel frattempo, il commissariato è stato già avvisato grazie ad una telefonata anonima, la quale descrive un uomo ritrovato ammazzato in casa. Ma la casa in questione e il cadavere sono diversi da quelli ritrovati da Mimì.

La seconda vittima viene ritrovata vestita come se dovesse partecipare ad una festa, o un gran galà, questo sarà il punto in comune dei due omicidi, ma anche il punto di partenza di tutta l’indagine. Qualche ora dopo il cadavere ritrovato da Mìmì scompare senza trovarne più traccia.

>>>>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Montalbano, l’ultimo episodio: Il metodo Catalanotti

Il Metodo Catalanotti, Montalbano alle prese con l’ennesimo mistero da risolvere

Il “furto” del cadavere chiamerà in causa la collaborazione del Commissario Montalbano, il quale scopre che il cadavere ritrovato dopo la segnalazione anonima è quello di Carmelo Catalanotti.

La vittima è un rinomato uomo di spettacolo, il quale ha sempre lavorato come sceneggiatore in spettacoli teatrali, ha anche ricoperto il ruolo di attore e regista.

Le sue strorie erano caratterizzate da drammi borghesi, i quali avevano sempre una vittima di sé stesso o degli eventi, di frequente c’era anche la comparsa di una morte cruenta.

Catalanotti era riuscito ad inventare un metodo alternativo, per permettere agli attori di esternare il proprio personaggio, cercando di liberare le proprie emozioni e compiendo un lavoro di esame della propria coscienza.

Questo viene chiamato il “Metodo Catalanotti”, veniva applicato su tutti gli attori che comparivano nelle scene di teatro del regista, il Commissario Montalbano si metterà alla ricerca di indizi per cercare di individuare un movente e soprattutto il colpevole dell’omicidio.

Questo è uno dei romanzi di Camilleri nei quali il Commissario Montalbano mosterà il suo lato più umano e sensibilire, tutte le fragilità verranno a galla, cercando di rendere il personaggio più vero e soprattutto più affine ai lettori che lo seguono da anni.

Per il commissario Montalbano, gli anni passano e si fanno sentire, lo spingeranno a vivere una crisi di mezza età, la quale lo porterà a pensare e accrescere le sue malinconie, ma prenderà anche delle decisioni molto importanti che potranno cambiare il corso del suo presente e futuro.