Renzi ha querelato la giornalista sbagliata, dovrà rimborsare 4700 euro

0
576

Matteo Renzi ha querelato la giornalista sbagliata, adesso dovrà risarcire 4700 euro di spese legali ingiustamente sostenute

Matteo Renzi querela giornalista sbagliata

In questi giorni ci sono stati diversi rumor intorno alle molteplici querele di Matteo Renzi nei confronti dell’informazione italiana. Il politico ha promosso azioni legali nei confronti delle testate La Stampa e TPI poichè avevano dato notizia di un suo viaggio a Dubai. Ma il Karma non perdona, a furia di querelare la stampa italiana il senatore ha commesso un errore che gli costerà 4700 euro.

Leggi anche -> Renzi torna a Dubai dagli sceicchi: mistero sui motivi della missione

Matteo Renzi sbaglia giornalista

L’intenzione di Matteo Renzi era quella di proporre un’azione legale nei confronti di Ilaria Proietti, giornalista politica del Fatto Quotidiano, tuttavia ha querelato una giornalista omonima, che lavora per un’altra testata giornalistica.

Renzi ha fatto notificare l’atto direttamente presso l’abitazione della giornalista e non presso la testata, una mossa che costerà al senatore la bellezza di 4.700 euro. Il leader di Italia Viva si trova adesso a dover rimborsare le spese legali sostenute dalla giornalista ingiustamente querelata.

Oltre ai soldi questa vicenda legale è costata al politico anche una discreta figuraccia, aggravata dal suo maldestro tentativo di giustificare l’errore. Renzi ha dichiarato che il disguido sarebbe stato causato dal fatto che le giornaliste che si chiamano Ilaria Proietti, iscritte all’albo sono 4 e quelle che lavorano al Fatto Quotidiano sono due. La prima affermazione è vera, la seconda no. Nella testata in questione c’è solo un Ilaria Proietti. Anche in questo caso il politico deve essersi informato male oppure, come spesso accade, non ha semplicemente voluto ammettere l’errore.

Probabilmente adesso però il leader di Italia Viva provvederà a verificare a chi sta chiedendo il risarcimento danni prima di procedere, oppure si rivolgerà direttamente alle testate giornalistiche invece di andare a bussare alla porta sbagliata.