Le previsioni meteo per il 15 marzo, torna l’inverno: allerta in tre regioni

0
749

Torna l’inverno, è questo il dato principale che emerge dalle previsioni meteo per l’Italia di oggi, lunedì 15 marzo. Neve fino agli 800 metri sulle Alpi, pioggia e temporali al Centro, venti di burrasca su Sicilia e Sardegna. Temperature in calo. Per la giornata di oggi il Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile ha emesso un bollettino di meteo avverso per venti di burrasca e un’allerta di livello giallo in Puglia per rischio idrogeologico.

Meteo Italia 15 marzo

Il Bollettino della Protezione Civile

Il bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso ieri, domenica 14 marzo, e valido fino alla mezzanotte di oggi, lunedì 15 marzo indica un’ allerta meteo di livello giallo per rischio idrogeologico sul Basso Fortore in Puglia ed un avviso di meteo avverso per venti di burrasca su Sicilia e Sardegna.

Le previsioni dell’Aeronautica Militare per il 15 marzo

Con i dati presenti nel bollettino ufficiale del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare vediamo nel dettaglio cosa succede lunedì 15 marzo nei singoli settori del Paese.

Nord Italia: – Cielo sereno con velature di passaggio su gran parte del territorio. Nuvolosità compatta sulle Alpi con nevicate fino ai 700 metri di quota.

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo per venti di burrasca sulla Sardegna e in particolare sulle coste esposte. Sul resto del Centro Italia cielo da sereno a nuvoloso con possibili nevicate in Abruzzo fino a quota 1000 metri.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Vandana Shiva: un futuro per le donne e per l’ambiente

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo per venti di burrasca sulla Sicilia ed in particolare sulle coste esposte. Allerta meteo di livello giallo sul Basso Fortore in Puglia per rischio idrogeologico. Neve sugli Appennini da quota 1000 metri.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Scioglimento dei ghiacciai: Orsi polari a rischio estinzione

Previsioni meteo 15 marzo: le temperature

Le minime sono in generale diminuzione su tutto il Paese. Le massime sono senza variazioni ad eccezione del leggero aumento previsto sul Piemonte, sulla Sardegna e sulle Marche.