Australia piaga di topi: 3 feriti e danni all’agricoltura per milioni di dollari

0
368

Un nuovo flagello per l’Australia che già nel giugno 2019 a febbraio 2020 è stata devastata da incendi che hanno ucciso circa circa 60mila koala, bruciato 16 milioni di ettari di terreno e 33 persone morte. Da qualche giorno invece è stata invasa da milioni di topi.

L’area colpita è quella del New South Wales e nel Queensland. Sono milioni, occupano le case, fanno i nidi dovunque, la gente se li ritrova sul cuscino la notte. Si riproducono a una velocità pazzesca, le trappole non servono o comunque non bastano.

Non si era mai vista una cosa del genere in Australia, un paese già abituato a una rude convivenza con la natura. La siccità e i mutamenti climatici hanno creato l’ambiente ideale per la proliferazione dei topi. Le femmine possono partorire già a sei settimane di vita e restano gravide praticamente in continuazione, al ritmo di 8-10 topi a cucciolata. La gente non ne può più. Predatori naturali non ce ne sono, le cantine sono invase.

POTREBBE INTERESSARTI: Facebook contro l’Australia, vietato l’accesso alle news

Preoccupazioni in Australia per la diffusione di malattie

Nel Paese accrescono anche i timori che questa diffusione di roditori possa provocare una rara malattia infettiva in tutto il paese.

Almeno tre persone sono state morse da topi all’interno di ospedali del Paese, mentre gli esperti avvertono che la diffusione dei roditori non farà che peggiorare. Gli agricoltori del New South Wales hanno segnalato “un drastico aumento” della popolazione di topi, che sono stati trovati a sciamare all’interno di silos di grano, fienili e case.

“Immagina che ogni volta che apri la credenza, ogni volta che vai in dispensa, siano presenti dei topi”, ha detto Steve Henry, un esperto di roditori. Il boom della popolazione di topi è avvenuto in seguito a piogge estive insolitamente forti nell’est dell’Australia dopo anni di siccità.

L’associazione di agricoltori della regione ha scritto sul sul profilo Twitter che a partire da venerdì scorso i topi sono diventati un vero e proprio incubo per coltivatori e comunità rurali .