Lancio di missili da parte della Corea del Nord: preoccupazioni a Seul

0
188

La Corea del Nord continua a preoccupare Seul: nuovo lancio di missili balistici a corto raggio, come si apprende dalla Cnn. Si tratta di due missili balistici.

SEOUL, SOUTH KOREA – MARCH 25: A man wearing a face mask sits near TV screens showing a news program reporting about North Korea’s missiles with file images at an electronic shop on March 25, 2021 in Seoul, South Korea. North Korea fired what appeared to be two short-range ballistic missiles into the East Sea, the South Korea’s Joint Chiefs of Staff (JCS) said. (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

La Corea del Sud ha reso pubblica la notizia di un lancio di un missile “non identificato”  precipitato in mare “al largo della costa orientale della Corea del Nord”, verso il mare del Giappone. Il lancio è stato effettuato dopo quasi un anno da Pyongyang. Da considerare anche il fatto che è il primo lancio a corto raggio da quando Biden è presidente degli Stati Uniti, ma non la prima prova. Infatti nel giro di due settimane la Corea del Nord ha dato vita anche ad altri test.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Virginia ha abolito la pena di morte

Non è chiaro quale siano il tipo di missili partiti da Pyongyang, come ha spigato l’alto funzionario alla Cnn. Lo United States Indo-Pacific Command (USINDOPACOM) ha però affermato “che il lancio evidenzia la minaccia che il programma di armi illegali della Corea del Nord pone ai suoi vicini e alla comunità internazionale” “L’impegno degli Stati Uniti per la difesa della Repubblica di Corea e del Giappone rimane corazzato”, ha poi confermato il capitano Mike Kafka in un comunicato. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Virginia ha abolito la pena di morte

Il consiglio di sicurezza di Seul ha espresso preoccupazione per l’avvenimento e in modo coordinato con gli Stati Uniti monitorerà la situazione. Come riporta la Cnn il primo ministro Yoshihide Suga ha confermato le preoccupazioni di Tokyo “Il Giappone presenta la sua seria protesta e condanna fermamente” – “È necessario migliorare il monitoraggio e la sorveglianza più di prima”, per poi aggiungere: “Ho tenuto una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Lavoriamo a stretto contatto con le nazioni correlate tra cui gli Stati Uniti e la Corea del Sud e siamo determinati a proteggere la vita della popolazione e il sostentamento pacifico.” Si apprende anche, secondo alcune fonti estere che a Seul sia in corso una riunione “di emergenza” del consiglio di sicurezza nazionale sudcoreano.