Luigi Lo Cascio sposato: chi è la moglie Desideria Rayner

0
117

La vita privata di Luigi Lo Cascio, l’attore siciliano è sposato e padre di due figli: chi è la moglie Desideria Rayner.

(screenshot video)

Anche l’attore Luigi Lo Cascio, come altri protagonisti dello spettacolo italiano, si scontra in questo periodo con le disposizioni delle norme di contenimento Coronavirus. Uno dei più grandi attori italiani, lanciato dal film “I Cento Passi” di Marco Tullio Giordana, Lo Cascio si è fatto apprezzare nell’ultima pellicola di Marco Bellocchio, “Il traditore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Luigi Lo Cascio, chi è l’attore dei Cento Passi: carriera e successi

Poco si parla della vita privata dell’attore, che preferisce mantenere una grande riservatezza: in realtà il Peppino Impastato del cinema è sposato felicemente con una donna di cinema, ovvero Desideria Rayner, che di mestiere fa la montatrice, è nata a Roma nel 1971 ed è la mamma dei due figli dell’attore siciliano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Luigi Lo Cascio, il padre: un lutto con cui fare ancora i conti

Cosa sapere su Desideria Rayner, moglie dell’attore Luigi Lo Cascio

(screenshot video)

Laureata in filosofia all’università la Sapienza di Roma, Desideria Rayner è dal 2006 la moglie del noto attore, lanciato come detto a fine anni Novanta dalla pellicola diretta da Marco Tullio Giordana e che ricostruisce la vita del militante di sinistra, Peppino Impastato, vittima di mafia. La montatrice ha collaborato e collabora con la rivista l’Espresso, i canale televisivi Rai News 24 e My-Tv, e diverse trasmissioni radio e tv, come ad esempio Blob.

La sua carriera da montatrice è ormai ventennale e ha avuto la possibilità di lavorare per diverse pellicole importanti, come ad esempio i documentari della coppia Gustav Hofer e Luca Ragazzi. Ha montato anche il film Salvo, opera prima di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, apprezzatissima dalla critica, ma soprattutto Ricordi?, di Valerio Mieli, che le dà anche diverse soddisfazioni personali. Nel 2019, infatti, ottiene la nomination al Ciak d’oro come migliore montatrice per questa pellicola, quindi anche la nomination al Nastro d’Argento.