Juventus e Covid, festa nella villa di McKennie: violate norme sanitarie

0
56

Covid, i carabinieri intervengono a casa del calciatore dopo segnalazione: la Juventus potrebbe prendere provvedimenti

Juventus covid
Weston McKennie (Getty Images)

Ieri notte una festa nella villa a Torino del centrocampista Weston McKennie è stata interrotta dall’intervento dei carabinieri. Nell’allegro e vietato raduno c’erano anche altri due compagni di squadra, Paulo Dybala e Arthur Melo.

In tutto a violare le norme anti-Covid che proibiscono le feste in casa, una decina di persone tra fidanzate e amici. Oltre ai verbali di ieri sera elevati dai militari non sono escluse multe anche da parte della società bianconera che della vicenda non sembra affatto felice.

La notizia giunge poco prima del derby con il Toro, un incontro che al di là della classifica ha sempre un certo peso e fascino ambo le sponde torinesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Diritti TV, Dazn chiarisce: “Serie A sul digitale terrestre per le aree senza rete”

Juventus e Covid, così successo ieri sera

Weston McKennie e Dybala (Getty Images)

I fatti sono avvenuti alle 23,20 circa di ieri quando i vicini del centrocampista hanno chiamato i carabinieri per gli eccessivi rumori provenienti dall’abitazione del noto vicino. Secondo Repubblica inizialmente non era stata esclusa una denuncia per resistenza visto che i carabinieri alla porta hanno impiegato un po’ di tempo per farsi sentire.

Dei tre calciatori coinvolti, tra l’altro, due non stanno vivendo neanche un buon momento. Il padrone di casa McKennie ancora non ha superato il problema muscolare che gli sta dando più di qualche noia mentre Arthur tra campionato, Champions League e Coppa Italia non scende in campo da sei giornate. Nessuno dei due sarà infatti a disposizione di Pirlo nel derby di sabato a differenza dell’altro coinvolto, Dybala.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lituania-Italia 0-2, gli azzurri vincono ma non brillano: Tabellino e Highlights

Si attendono ora gli esiti dei tamponi per eventuali positività e provvedimenti della società nei confronti dei propri tesserati. Proprio dal fronte Covid non arrivano buone notizie. Come ha confermato la Juventus, il difensore turco Merih Demiral, rientrato dal ritiro con la propria nazionale, è risultato positivo.