Psg-Bayern, dove vederla. I bavaresi cercano la rimonta a Parigi

0
109

Tedeschi ancora senza Lewandowski. Verratti, Kean e Florenzi a disposizione di Pochettino. Il primo round è terminato 2-3 per i francesi

Psg-Bayern, dove vederla

Psg-Bayern, dove vederla

Psg-Bayern, dove vederla Il quarto di finale più atteso si deciderà questa sera con il secondo round al Parco dei Principi tra Paris Saint Germain e Bayern Monaco (diretta tv dalle 21 su Sky Sport Football, Sky Sport canale 251 e in chiaro su Canale 5). Thomas Mueller suona la carica per i tedeschi, perché il 2-3 della partita d’andata è sì un risultato sfavorevole, ma non impossibile da ribaltare per una corazzata come quella di Hans-Dieter Flick, allenatore per il quale suonano ora anche le sirene della nazionale tedesca. Per il colpo il tecnico dei bavaresi dovrà però rinunciare ancora una volta al bomber Robert Lewandowski, perché il polacco, pur allenandosi, non è ancora in grado di reggere lo sforzo di una partita. Flick ha confermato l’assenza del centravanti anche a fronte di una domanda di un giornalista francese che chiedeva nello specifico se i tedeschi non volessero tendere un tranello al Psg. Mbappé sulla sponda della Senna è chiaramente l’arma in più per ipotecare il passaggio del turno, con il campione del mondo che dopo la doppietta messa a segno nel match d’andata punterà ora ad andare oltre la soglia degli otto gol in un’edizione di Champions, stabilendo il record per un francese e scavalcando Trezeguet e Ben Yedder. I tre azzurri Verratti, Kean e Florenzi, anche se non al meglio, tornano comunque a disposizione di Mauricio Pochettino. Il tecnico argentino è comunque convinto che ci sarà da soffrire per poter portare a casa il risultato sperato e tornare a giocarsela per il trofeo che l’anno scorso non fu conquistato proprio per merito dei tedeschi, in una finale che ad agosto scorso venne decisa solo per una rete, mentre ora siamo già a cinque gol segnati. Per il Psg è importante accedere alla semifinale anche in ottica “geopolitica”, perché il passaggio del turno significherebbe un consolidamento di quella che è la nona posizione nella classifica di Forbes dei club di calcio più ricchi al mondo, con un valore complessivo di 2,5 miliardi di dollari.

Così in campo

Per provare a spezzare le ambizioni dei francesi, Flick è pronto a riconfermare il 4-2-3-1 della gara d’andata, sempre con Choupo-Moting nel ruolo di prima punta, supportato dai trequartisti Coman, Mueller e Sané. L’ex juventino è l’uomo più pericoloso per il club parigino, soprattutto dopo la finale vinta grazie a un suo gol proprio ai danni del Psg. In mediana Kimmich e Goretzka, mentre in difesa del portiere Neuer la coppia della retroguardia sarà formata da Boateng e Alaba. Pavard riconfermato a destra, mentre Davies potrebbe partire dal primo minuto a sinistra. La squadra di casa risponderà, secondo le previsioni, con il medesimo modulo, puntando sugli uomini che hanno fatto la differenza nei primi novanta minuti giocati all’Allianz Arena. In porta Navas, dopo la grande prestazione in Germania che ha permesso al Psg di portare a casa il primo round, in difesa la linea a quattro formata da Diallo, Kimpembe, Pereira e Dagba. Risparmiando gli azzurri appena rientrati in rosa, in mediana dovrebbero giocare Paredes e Gueye per mettere nelle migliori condizioni i giocatori offensivi. Puntando soprattutto sulle ripartenze, aspettandosi l’assalto bavarese, saranno Draxler, Neymar, Di Maria e il bomber Mbappé unica punta a dover nuovamente sfruttare al massimo i contropiedi e le occasioni che capiteranno nel corso del match. La partita promette comunque il massimo spettacolo, con l’andata che non ha affatto deluso le aspettative. La finale dello scorso anno si deciderà in questa edizione già ai quarti, ma il posto per le prime quattro della massima competizione europea in corso è già riservato per quella che sarà tra le semifinaliste la favorita per la conquista del trofeo.

 

Potrebbe interessarti anche -> Fiorentina-Atalanta 2-3: la Dea la spunta con l’ex Ilicic

Segui la Champions League su Twitter