Alessandra Dolci, chi è la magistrata cremonese antimafia di Milano

0
159

Alessandra Dolci è alla guida della Procura distrettuale antimafia di Milano, ha dichiarato guerra alla ‘ndrangheta nel Nord Italia.

Alessandra Dolci, chi è il magistrato antimafia della Procura di Milano (RaiPlay)
Alessandra Dolci, chi è il magistrato antimafia della Procura di Milano (RaiPlay)

L’organizzazione mafiosa riesce a muovere capitali nell’economia legale, creando anche posti di lavoro offrendo prestazioni e servizi molto appetibili ai cittadini.

Dietro la sua scrivania ci sono delle fotografie sorridenti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, poi c’è il manifesto simbolo dei magistrati uccisi mentre stavano esercitando il loro lavoro, con due rose spezzate e 27 nomi.

La magistrata nasce a Soresina, per poi trasferirsi a Milano, passa circa 32 anni in magistratura, guidando uno egli uffici più esposti e sotto i riflettori, ovvero la Procura distrettuale antimafia di Milano.

Da sempre ha combattuto contro la ‘ndrangheta e la criminalità nel Nord Italia, la stessa mafia che ha cercato di addentrarsi anche a Cremona, nel 2018 le verrà consegnato il Premio Borsellino.

Decise di fare il magistrato proprio perché non c’era cosa più bella che rendere giustizia a chi subisce un torto. Subito dopo aver conseguito la laurea, ricomincia a studiare per il concorso da magistratura.

La sua carriera avrà inizio all’età di 26 anni. Come primo incarico verrà assegnata alla Repubblica di Monza.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Mafia, arrestato Giuseppe Calvaruso: il boss era a Palermo per la Pasqua

Alessandra Dolci, gli anni indimenticabili nella Repubblica di Monza

A Monza matureraà l’esperienza professionale e un certo talento per i rapporti umani, cercando di occuparsi sempre della tangentopoli monzese. Arresterà due soggetti calabresi, i quali poi sono caduti vittime di un agguato mafioso.

Vennero trovati in possesso di un bidoncino pieno di esplosivo plastico con detonatori, all’interno c’erano circa 7Kg e mezzo di esplosivo. Da quel momento in poi la donna pensò che i calabresi avrebbero fatto parte del suo destino.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Padre Pino Puglisi: il prete che fece tremare la mafia con il sorriso

Combatte la criminalità organizzata in Italia, sempre in prima fila contro la ‘ndrangheta nel Nord Italia. Tra le sue indagini ci sono l’operazione “Crimine infinito”, la quale ha portato a circa 200 arresti tra Milano e Reggio Calabria.

La criminalità organizzata lombarda si è evoluta soprattutto sotto il punto di vista criminale, cercando di controllare progetti pubblici e alcune attività imprenditoriali.

In questo modo è riuscita ad avere dei rapporti con pubblici funzionari, e anche persone legate alle forze dell’ordine, cercando di diventare un interlocutore appetibile per riuscire ad acquisire voti durante le elezioni. Tutti il passaggio di consegna della criminalità organizzata è avvenuto intorno ai lontani anni 2000.