Avrebbe iniettato una soluzione fisiologica invece del vaccino. Indagato medico di base

0
198

Avrebbe iniettato una soluzione fisiologica invece del vaccino, questa incredibile ipotesi accusatoria della Procura di Ancona nei confronti di un medico di base di Falconara.

(Hollie Adams/Getty Images)

L’inchiesta è stata avviata dopo la denuncia di tre anziani pazienti che avevano notato delle strane anomalie riguardanti l’intera gestione delle somministrazioni vaccinali. In primo luogo, lamentavano gli anziani pazienti, vi era una non comprensibile ritrosia da parte medico di base al rilascio della documentazione obbligatoria che attestava l’avvenuta inoculazione del vaccino. Inoltre il professionista era sostanzialmente impreciso in riferimento al vaccino inoculato e sulle precise date per il richiamo dello stesso.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid e riaperture: Salvini, Meloni e Sgarbi fanno fronte comune

Da quanto emerso finora dalle indagini preliminari sulla documentazione in possesso degli inquirenti e sulla base delle testimonianze dei tre pazienti, il medico di base avrebbe somministrato ad alcuni pazienti del suo studio delle soluzioni fisiologiche invece delle dosi di vaccino di cui disponeva. Le dosi a disposizione del medico di base di Falconara erano quelle del vaccino Pfizer , fornite dall’Asur Marche.

Ti potrebbe interessare anche -> Ristoranti, pass e coprifuoco: cosa cambia dal 26 aprile col nuovo decreto

Soluzione fisiologica invece del vaccino. Quanti sono i mutuati realmente truffati?

Il sospetto è che non siano meno di trenta i pazienti truffati. Le indagini proseguono e, su disposizione della Procura di Ancona, la Squadra Mobile di Ancona ha eseguito una perquisizione nello studio del medico per reperire altro materiale utile per le indagini. Probabilmente i mutuati truffati con lo pseudo vaccino a base di soluzione fisiologica sono più dei circa trenta finora accertati.

Le ipotesi di reato, al momento, riguardano il falso ideologico e le lesioni personali. L’inchiesta è soltanto agli inizi, per cui i reati iscritti sono solo ipotesi. Le indagini proseguiranno, ma risulta evidente che episodi come quello riguardante il medico di base di Falconara, gettino delle ombre inquietanti sulla campagna vaccinale in atto nel nostro paese ed instillino dubbi sulla popolazione. E, di tali dubbi, ne possiamo e dobbiamo fare certamente a meno.