MotoGp Spagna Tabellino Gara: doppietta Ducati

0
383

Primo Miller, secondo Bagnaia. Problema fisico per Quartararo a metà gara

MotoGp Spagna Tabellino Gara

MotoGp Spagna Tabellino Gara

MotoGp Spagna Tabellino Gara – Al circuito di Jerez de la Frontera si corre la quarta prova del Motomondiale 2021, con il francese Fabio Quartararo primo in classifica a 61 punti con la sua Yamaha davanti al ducatista Francesco Pecco Bagnaia con 46. In pole position sempre il francese più veloce di tutti in qualifica, poco meno di un decimo su Franco Morbidelli con lui in prima fila insieme a Miller. A seguire in griglia Bagnaia, Nakagami e Zarco. Il campione del mondo in Suzuki Mir è solo decimo, mentre Marquez e Rossi partiranno rispettivamente dalla 14esima e dalla 17esima posizione. Come nelle gare precedenti la sfida sarà ancora tutta tra le Yamaha e le Ducati, con la scuderia italiana che proverà ancora una volta a vincere un Gran Premo e, magari, a superare la casa rivale in classifica con un suo pilota. Nel cuore dell’Andalusia si disputa così un’altra corsa che nella categoria regina promette spettacolo. Il meteo è favorevole, con il caldo iberico che mantiene l’asfalto nelle migliori condizioni.

La partenza

Al via si distingue subito Miller, che scatta più velocemente di tutti rimontando il poleman Quartararo e anticipando Morbidelli e il collega Bagnaia. Le Ducati provano così a battere subito in avvio e sul tempo le rivali. Le rosse provano così a dettare il ritmo sulle Yamaha, anche perché tra staccate e curvoni è probabile che la casa giapponese abbia maggiori opportunità nella seconda parte della gara.

La gara

Basta qualche giro infatti per permettere a Quartararo di riprendersi la testa della corsa, mettendo alle sue spalle Miller, ora secondo, e Morbidelli. Bagnaia perde posizione anche a favore di Aleix Espargaro, mentre Nakagami dalla sesta posizione arriva arrembante poco distante. Da vedere solo quanto il ducatista italiano voglia risparmiarsi per il finale di gara oppure se effettivamente ha gestito fino a questo momento male la gomma, perdendo ritmo sui diretti avversari. Quartararo forza al massimo i suoi tempi invece, nella speranza di riuscire a correre la seconda parte di gara “in vacanza”, guadagnando prima quanto più terreno possibile. A 14 giri dalla bandiera a scacchi il francese è ancora saldamente al primo posto, per quanto Miller provi a non mollare, mentre Bagnaia, dopo aver superato Espargaro, prova a riportarsi in zona podio superando Morbidelli, ma l’italo-brasiliano è bravo a chiudergli le traiettorie con la sua Petonas. Nellle retrovie Marquez sta ritrovando ritmo, giro dopo giro, rimontando fino alla decima posizione. Ora sarà da vedere se il campione riuscirà a mantenere questi ritmi fino alla fine. Il duello più interessante è proprio quello che vede Morbidelli tentare di tenere dietro la Ducati di Bagnaia, mentre Quartaro sul secondo continua a tenere una distanza pari a un secondo. Il pilota Petronas nel frattempo perde ritmo, con la rossa che finalmente lo supera a poco più di dieci giri dalla fine. Anche Miller prova a fare lo stesso sul primo, per quanto Quartararo sia concentrato nel riguadagnare terreno a ogni curva, tratti del circuito che favorisce di solito le Yamaha sulle Ducati. In fase di frenata il francese sembra però improvvisamente riscontrare un problema ai freni, perché Miller riesce a sorpassarlo, provando subito a fuggire e mantenere la testa della corsa negli ultimi nove giri da correre. Il campione del mondo in carica Mir segue Nakagami dalla settima posizione, mentre neanche Vinales riesce a mettersi in mostra più di tanto, ma rimane nelle retrovie in sofferenza all’ottava posizione. I problemi tecnici di Quartararo sembrano comunque condivisi da Morbidelli, con le Yamaha che perdono ritmo negli ultimi giri. Uno stato di cose che potrebbe improvvisamente condizionare l’ordine di arrivo del Gp di Spagna. Nell’arco di un paio di giri, le difficoltà del pilota francese primo nella classifica del Motomondiale si traduce nel sorpasso di Bagnaia, con la doppietta Ducati che sembra inaspettatamente concretizzarsi, mentre anche Morbidelli in Petronas riesce a superare il compagno di scuderia, che guida però la moto ufficiale della casa giapponese. I guai tecnici sono però evidenti, perché Quartararo è costretto a guidare con estrema prudenza, per evitare di cadere, e viene risucchiato fino all’undicesima posizione. Bagnaia invece sembra proprio aver conservato la gomma per gli ultimi quattro giri del Gran Premio perché il pilota italiano si riporta a un solo secondo da Miller in testa, tentando di ingaggiare un vero e proprio derby per la vittoria con il compagno di scuderia. Pecco sembra averne di più, anche se i tre giri rimasti sono evidentemente pochi per una rimonta, con un Miller che comunque mantiene i ritmi alti e con il rischio di compromettere quella che sarebbe un’ottima doppietta Ducati. Con Morbidelli in terza posizione, Miller e Bagnaia con le loro Desmo Sedici di Borgo Panigale filano veloci all’ultimo giro per andare finalmente a vincere il Gran Premio di Jerez de la Frontera, un GP che manca dal 2006, dagli anni di Capirossi, statistica che rende ancora più pregevole il valore di una classifica del Motomondiale che vede ora primo in classifica lo stesso Bagnaia. Una doppietta rossa in Andalusia che così si tinge anche del tricolore della bandiera italiana. Ora il pilota azzurro è in testa con 66 punti, con due di vantaggio sullo stesso Quartararo e con Vinales terzo a cinquanta punti, che comunque non è troppo lontano dai primi, nonostante il risultato non troppo brillante dell’ultima posizione.

 

Potrebbe interessarti anche -> Milan-Benevento 2-0: gol di Calhanoglu e Theo Hernandez

Segui gli aggiornamenti della MotoGp su Twitter

Tabellino della gara

Ordine di arrivo
Miller, Bagnaia, Morbidelli, Nakagami, Mir, A. Espargaro, Vinales, Zarco, Marquez, P. Espargaro…

Classifica Piloti
Bagnaia 66, Quartararo 64, Vinales 50, Mir 49, Zarco 48, Miller 39, A. Espargaro 35, Morbidelli 33

Highlights QUI