Conte blinda la Raggi: “È la candidata del M5s, al ballottaggio dialogo privilegiato col Pd.

0
91

Conte blinda la Raggi: E ‘la candidata del M5s, al ballottaggio dialogo privilegiato con il PD. Parole chiare quelle espresse dall’ex premier Giuseppe Conte per la corsa al Campidoglio.

Giuseppe Conte blinda a due mandate la sindaca uscente Virginia Raggi alla corsa per il Campidoglio. Chiusura definitiva al Partito democratico? Assolutamente no. Nel giorno in cui Roberto Gualtieri annuncia la sua candidatura alle primarie, mentre continuano ad inseguirsi le voci di una candidatura di Nicola Zingaretti al Comune di Roma, l’ex premier interviene in maniera netta nel dibattito sulle comunali di Roma e non solo.

Le sue parole sono nette, precise e non lasciano spazio a dubbi di sorta. Per la prima volta traccia la linea politica che il Movimento 5 stelle intende seguire. Appoggio incondizionato alla Raggi, poi al secondo turno dialogo privilegiato con il Partito Democratico. Che questo significa che il candidato al candidato sindaco del Pd, se l’ultimo arriva al ballottaggio. Ma, parimenti si può intendere anche in una richiesta di sostegno al partito di Enrico Letta, se al secondo turno deve qualificarsi la sindaca uscente.

Conte blinda la Raggi. Le sue parole su Virginia Raggi 

Virginia sta dando un nuovo volto alla città e dopo una fase iniziale in cui la sua amministrazione ha dovuto dare segni di discontinuità con le gestioni del passato e ha dovuto tanto seminare, da un po’ di tempo si inizia a vedere i chiari frutti di questo intenso lavoro ei romani se ne stanno rendendo conto ogni giorno di più ”. Giuseppe Conte sta cercando di rimodellare il Movimento 5 Stelle, dando un’impronta politica precisa che faccia dimenticare le altalenanti scelte del passato.

Virginia Raggi rappresenta, in questo contesto, una pedina importante nel progetto contiano. Un Movimento con idee chiare ed autonome che non abbandona, però, l’idea di costituire con il Partito Democratico un fronte progressista contro la destra di Salvini e Meloni. Solo ieri Conte, durante un evento del M5s Torino, aveva detto di voler richiedere “un confronto con tutte le anime che hanno dato il loro contributo nell’esperienza del Governo Conte 2, e dall’esito di tale confronto dipenderanno anche le scelte sui territori “. 

Gualtieri si candida: “A disposizione della città, partecipo alle primarie”

Come documentato in precedenza, oggi è stata la giornata della candidatura dell’ex ministro Roberto Gualtieri alle primarie del 20 giugno “Mi metto a disposizione di Roma, con umiltà e orgoglio. Partecipo alle primarie del 20 giugno. Costruiamo insieme il futuro della nostra città: io ci sono! “. Lo scrive su Twitter l’ex ministro Roberto Gualtieri annunciando la sua corsa alla candidatura per il Campidoglio. Risponde a stretto giro, il segretario del Pd Enrico Letta che ha rilanciato su Twitter l’annuncio della candidatura di Gualtieri. Sopra il post dell’ex ministro, Letta ha piazzato gli emoticon che mostrano i bicipiti, accanto al nome del candidato: “forza Roberto!”.

Tirando le difficili somme

Il canovaccio programmatico del Movimento 5 Stelle presentato da Giuseppe Conte sembra chiaro, altrettanto quello del Partito Democratico. Divisi alla partenza, per poi unirsi per eventuali ballottaggi? Questo toccherà che lo decidano i diversi interpreti della storia, Conte e Letta su tutti. Se ci riusciranno.