Covid: le regole da rispettare per l’ingresso nel Regno Unito

0
244

Covid e turismo: i viaggiatori sono pronti a varcare i confini per turismo: Il Regno Unito riparte sotto il segno dei vaccini ma detta regole ferree per chi decide di entrare in UK. Ecco i passaggi da seguire secondo il consiglio di Qui Londra.

LONDON, ENGLAND – FEBRUARY 16: Passengers travelling from one of the countries on the “red list” are escorted through the arrivals area of terminal 5 of Heathrow airport and onto a waiting coach, on February 16, 2021 in London, England. From yesterday, people arriving from 33 “red list” countries, including South Africa and the United Arab Emirates, must isolate in hotels rooms for 10 days at their own expense. The policy was announced late last month in response to the emergence of new variants of the novel coronavirus that are more resistant to existing vaccines. (Photo by Leon Neal/Getty Images)

Il governo britannico, dopo le riaperture e la corsa ai vaccini per fermare la pandemia da Covid-19 lancia le linee ferree per l’ingresso turistico in UK. Regole rigide che dovrebbero consentire al Regno Unito una protezione importante anche contro le varianti. Si parte con un form da compilare da parte di tutti i viaggiatori che decideranno di fare ingresso in Gran Bretagna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca: cosa succede adesso

Tutti i soggetti che faranno ingresso nel Paese dovranno acquistare un pacchetto (test package) contenente due test dal costo di 210 sterline per la rilevazione del Covid-19 – uno da effettuare durante il secondo giorno e uno da effettuare l’8 giorno, nel corso dell’autoisolamento.  Per gli arrivi dei cittadini provenienti dalla “Lista rossa” la quarantena di 10 giorni sarà obbligatoria all’interno dei cosiddetti covid hotel. Il costo, come riporta Qui Londra è di 1750 sterline per un adulto, per il secondo adulto il costo scende a 650 sterline – per un bambino dai 5 agli 11 anni il costo è di 325 sterline.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, novità sulla seconda dose di Pfizer, Moderna e AstraZeneca

Sarà invece possibili evitare la quarantena nel caso di cittadini non facenti parte della red list nel caso in cui l’individuo si sottoponesse ad un “test to realise”, anche questo avrà un costo di 150 sterline e potrà essere effettuato dopo i 5 giorni di permanenza all’interno del Paese, se l’esito del test dovesse essere negativo il turista avrà la possibilità di non continuare la quarantena.