Filippo Romano, chi è il Viceprefetto nella Terra dei Fuochi

0
200

Filippo Romano, chi è il Vice prefetto nella Terra dei Fuochi.

Filippo Romano
Filippo Romano (Google)

Filippo Romano quando è stato nominato dal ministro dell’Interno Lamorgese come Commissario della Terra dei fuochi il vice prefetto avrà provato una duplice sensazione. Da un lato la grande gioia e soddisfazione di ottenere un così importante incarico, dall’altra avrà immediatamente immaginato le difficoltà che tale compito dovrà sostenere. La Terra dei Fuochi è un triste fenomeno in un’ampia zona della Campania che non si riesce a sconfiggere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Report, le anticipazioni del 17 maggio: le ultime novità sul caso Renzi

Filippo Romano. La sua carriera

Filippo Romano ha 55 anni ed è entrato in Carriera prefettizia il 10.10.1994 come Viceconsigliere di Prefettura (concorso del 1992-93);
Consigliere dal 10.10.1996;
Vincitore del concorso per Dirigente del Ruolo unico della PA e frequentatore del relativo corso dal 19.02.1999 al 19.02.2001;
Nominato Dirigente del Ruolo unico (Ministero PI);
Rientrato in Carriera prefettizia con il grado di Viceprefetto aggiunto dal 31.07.2001;
Nominato Viceprefetto dal 01.01.2010.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terra dei fuochi, secondo l’Iss tumori e morti sono causati dai roghi di rifiuti

Che cos’è esattamente la Terra dei Fuochi?

terra-dei-fuochi
terra-dei-fuochi (screenshot video)

La Terra dei Fuochi è un vasto territorio tra le province di Napoli e Caserta. Da anni è tristemente conosciuta per la presenza di rifiuti tossici. Lungo questa striscia di terra vi sono innumerevoli discariche abusive presenti sia in piena campagna sia lungo le strade. Quando queste discariche si saturano vengono date alle fiamme, affinché si crei nuovo spazio dove smaltire nuovi rifiuti. Rifiuti che, quasi sempre, sono rifiuti speciali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terra dei fuochi: nuovamente in crescita i roghi

Tra i rifiuti speciali più comuni vi sono quelli derivanti da attività agricole, da attività di demolizione, costruzione, da lavorazioni industriali e artigianali, da attività commerciali o ancora quelli derivanti da macchinari, combustibili, veicoli a motore. Una tipologia di rifiuti altamente inquinante, il cui smaltimento dovrebbe seguire modalità particolari, proprio per evitare che si corrano rischi di natura ambientale.

Da anni, da troppi anni ormai, questa parte di Campania è diventata una terra senza più futuro. Si cerca, da anni, di trovare una soluzione che non c’è. Questo è il compito che aspetta il Viceprefetto, Filippo Romano, un compito difficilissimo, perché già troppo tempo è trascorso. Invano. Una zona vasta comprendente 57 comuni e 2 milioni e mezzo di persone.

Le discariche che bruciano rifiuti tossici, i fumi di questi roghi, le percentuali di malati di tumore che in questa zona raggiungono numeri altissimi, sono i segnali evidenti di un fenomeno cui è quasi impossibile trovare rimedio. Filippo Romano dovrà combattere contro i poteri di ogni sorta, più illegali che legali, per poter riuscire in un’impresa titanica.